Xi Jinping, Platone e la democrazia in Oriente e in Occidente

Un polemico corsivo di un ex giudice costituzionale

Xi Jinping è un uomo di Stato che ha compreso bene il valore della cultura nella lotta per la supremazia dei popoli sul Pianeta; e, su suo input, gli studiosi di Pechino hanno scritto e scrivono numerose opere di denigrazione della classicità greco-romana, denunciandone l’inconsistenza sul piano dei valori e dei concetti e la pericolosità negli effetti e risvolti pratici.

Di recente, l’organo ufficiale di teoria politica del suo partito ha scritto, non senza protervia intellettuale, che la Cina sarebbe stata riconosciuta come il più grande Paese democratico al mondo se solo l’Occidente non si fosse arrogato il diritto di proprietà del concetto stesso di “democrazia”.

Orbene, un’analisi non sciovinistica del problema dovrebbe partire dalla constatazione che nel mondo d’oggi una monopolizzazione dei principi dello Stato democratico risulta scorretta sia in Oriente e sia in Occidente.

La “democrazia” è certamente nata, con il limite dello schiavismo, nell’epoca d’oro della civiltà greco-romana, ma è spirata in quello stesso contesto geografico quando storicamente la sua filosofia ha prodotto un filosofo autoritario, aristocratico e supponente come Platone e la credulità popolare ha consentito un abnorme proselitismo delle assolutistiche religioni mediorientali.

Platone velato | Corriere dell'Irpinia

Platone

Le utopie e le fantasie sostenute e predicate dal filosofo ateniese e dai sacerdoti monoteistici hanno ammazzato la razionalità di quei popoli civili e con essa la democrazia. Hanno ragione gli studiosi cinesi: l’Occidente della guerra religiosa (e non) fratricida e permanente, dell’Inquisizione e delle torture rinverdite a Guantanamo,  dei falsi proclami tesi a nascondere appetiti insaziabili di potere e di denaro  non può pretendere di essere titolare dell’unica forma legittima di democrazia.

Essi hanno torto, però, quando dimenticano che una delle forme di governo più odiose del post-platonismo hegeliano dell’Occidente, il comunismo bolscevico, ha contaminato la Cina, cancellando ogni umano anelito alla democrazia. Il pluralismo democratico non basta all’Occidente e non basta alla Cina  se esso è drogato da meccanismi di corruzione che non s’intendono combattere e cancellare.

Cina, sogna un futuro tech autarchico | Wired Italia

È inutile per l’Occidente rievocare il mito della democrazia ateniese ma è altrettanto sterile rivendicare i tradizionali valori confuciani, asserendo che essi non sono stati distrutti da Mao Zedong. Nell’un caso e nell’altro si tratta di pura propaganda politica, di spregiudicata disinformazione, ottenuta con la manipolazione e con la distorsione della storia.

 

Luigi Mazzella

Come incidere realmente nel rapporto tra cittadini, partiti e istituzioni

Il senso della Prima Repubblica, di cui più di qualcuno in questa fase - come recentemente da queste colonne, in Read more

Francesco Saverio Nitti: il liberal-riformista che sfidò Mussolini

In un rovente pomeriggio di giugno a palazzo Mattei di Paganica, storica sede dell’Enciclopedia Italiana, lo storico Massimo Crosti ha Read more

Europee, vincitori e vinti

A mente più fredda, è possibile trarre un primo bilancio del voto per le Europee che ha portato alle urne Read more

Democrazie, autocrazie e difesa dell’Ucraina

Alexis de Tocqueville Il processo democratico, cioè il modo in cui le democrazie discutono per deliberare, Read more

Articolo successivo
Le coppie
Articolo precedente
Utero in affitto e registro all’anagrafe. Avanti o indietro?

Menu