Sen. Luigi Grillo: Meloni vince perché fa politica, gli altri no e perciò perdono. “Nei prossimi 5 mesi senza elezioni, tre riforme necessarie: Giustizia, Bilancio e Costituzione”

Il debito pubblico ormai prossimo ai tremila miliardi. Ma l’Italia ha ricchezza immobiliare, un grande patrimonio di risparmio. Tuttavia si potrebbe rilanciare l’idea di un prestito nazionale non forzoso con agevolazioni fiscali

Con la vittoria del Centro – Destra a trazione FdI il premier Meloni ha consolidato la sua leadership dando una identità forte all’azione di governo.

La Meloni vince perché fa politica, gli altri perdono perché non fanno politica; Meloni fa politica proponendo riforme essenziali per ridare governabilità al Paese.

 

 

Giorgia Meloni

 

 

La riforma semipresidenzialista e la separazione delle carriere dei magistrati sono due riforme importanti per la governabilità.

La politica estera di questo Governo, poi, è coerente con i valori da sempre difesi dall’Italia. La sua ferma posizione contro l’invasore Putin e la difesa dell’Ucraina – nonostante le posizioni ondeggianti di Forza Italia e della Lega  –  la conferma dell’alleanza con gli Stati Uniti, sono scelte coerenti con gli interessi dell’Italia e con la nostra Costituzione.

 

 

Silvio Berlusconi

 

 

Considerato che nei prossimi 5 mesi non ci saranno elezioni importanti che potranno condizionare l’operato del Governo, ritengo che il Premier farebbe bene ad affrontare in questo lasso di tempo, tre temi strategici:

  1. Riforma della Giustizia
  2. Il debito pubblico
  3. Il divario tra la Costituzione formale e la Costituzione materiale.

******

Sono anni che si discute il tema del governo dei giudici, la progressione del loro potere, con il risultato che chi si attendeva razionalità ha ottenuto un sempre più marcato populismo giudiziario.

La giustizia continua ad arrivare troppo tardi in Italia per essere una giustizia equa!

Mentre il corpo giudiziario ha tradito le attese prendendo un posto di rilievo nel sistema politico invece che in quello giudiziario.

Le Procure hanno ormai un tale potere che in molti parlano di una Repubblica dei PM (anche perché non rispondono degli errori che compiono e continuano ad avvalersi di  una regola che privilegia di fatto il l’automatismo della  carriera).

Nordio con la sua coraggiosa proposta di riforma della giustizia, con la separazione delle carriere, tiene bene la rotta, che porta al centro del dibattito politico la difesa di uno Stato liberale che non può  tollerare  l’arbitrio di magistrati.

******

È vero che l’Italia in Europa è il Paese con il debito pubblico più pesante (siamo quasi a 3.000 miliardi di euro); è altrettanto vero però che l’Italia in Europa è il Paese con il patrimonio immobiliare fungibile più rilevante (oltre 2.800 miliardi di Euro).

Ancora l’Italia è il Paese secondo al mondo come capacità di risparmio; la ricchezza privata degli italiani è stata valutata in 4.400 miliardi di Euro, 1.840 miliardi sono le attività delle società italiane non finanziarie.

Inoltre l’Italia dispone del sistema bancario più forte ed efficiente d’Europa.

In tale condizioni il Ministro Guarino del Governo Ciampi nel 1993 propose di lanciare un prestito non forzoso finanziato dagli italiani e garantito da parte del patrimonio immobiliare dello Stato.

Si potrebbe recuperare quel progetto rendendo la proposta di questa emissione più appetibile per i risparmiatori con il riconoscimento di un sistema fiscale di favore

******

Scrive Sabino Cassese: “La nostra Costituzione non è solo stata attuata molto lentamente, ma contiene promesse non mantenute: il diritto dei lavoratori a collaborare alla gestione delle aziende, il fine rieducativo della pena, l’obbligo di registrazione dei sindacati e il loro ordinamento interno a base democratica, la valorizzazione del Mezzogiorno.”

“Infine la Costituzione non è riuscita a contenere i poteri dello Stato nell’ambito loro assegnato.”

“Ha consentito l’esondazione dell’ordine giudiziario in quello legislativo, in quello esecutivo, in quello politico; del Governo in quello legislativo, del legislativo in quello amministrativo.”

Il divario tra Costituzione formale e quella materiale è ancora molto forte purtroppo.”

Perché il Governo di Centro Destra non si impegna in questa direzione?

 

Luigi GrilloGià parlamentare della Dc e poi del Popolo delle Libertà. Deputato, senatore, questore del Senato, presidente di Commissione e Sottosegretario al Bilancio con delega per la Finanziaria

Tribunale unificato dei brevetti, alcune anomalie da eliminare a un anno dall’entrata in vigore

Il Tribunale Unificato dei Brevetti è ormai una realtà consolidata e l’Italia, grazie ad un sapiente ed incessante lavoro da Read more

l battito d’ali degli eredi di Berlusconi e il futuro di Forza Italia

Basta un battito di ali di erede della famiglia Berlusconi per animare il confronto politico italiano ed accendere i riflettori Read more

Per capire l’arte ci vuole una sedia | | Declinazioni al femminile delle cariche pubbliche, quando la politica viola anche la grammatica
Per capire l’arte ci vuole una sedia

Nel 1968 a Monaco una ventottenne giovane e bella, con i capelli cotonati selvaggiamente, una giacca di pelle e pantaloni Read more

Il “liberalismo assediato” e la “strategia di Alesia”

Su La Lettura, inserto domenicale del Corriere della Sera del 14 luglio 2024 (anniversario della Bastiglia), tre studiosi con posizioni Read more

Articolo successivo
Juve, Barcellona e Manchester City: la punta dell’iceberg della crisi del calcio. Vulpis: “Di questo passo rischio fallimento per molte società”
Articolo precedente
Xi Jinping e il capitalismo autoritario del suo nuovo mondo. Un profilo del capo: da “figlio di un traditore” all’interprete del “sogno cinese”

Menu