Fini, Meloni e la Costituzione

Facciamo un passo indietro. Ospite di Lucia Annunziata, in gioventù un’estremista di sinistra pura e dura, giorni fa Gianfranco Fini ha in certo qual modo paragonato Giorgia Meloni a Rolando Pietri. Ma sì, il maratoneta che alle Olimpiadi di Londra del 1908 si accasciò, sfinito, a pochi metri dal traguardo. Novello Gesù Cristo, così Fini ha invitato Giorgia ad alzarsi pure lei come Lazzaro e a tagliare felicemente il traguardo dell’antifascismo. Diamine, che cosa aspetta la presidente del Consiglio – ecco il sottinteso – a proseguire sulla strada che lui tracciò a Fiuggi quasi trent’anni fa?

Sta di fatto che la predica è venuta da un pulpito a dir poco sospetto. Da un personaggio che disse di considerare Benito Mussolini il più grande statista del Novecento. Non c’è dubbio che il “Duce” sia stato un abile politico fino a un certo punto e un eccellente giornalista e oratore. Ma ogni medaglia ha il suo rovescio. Instaurò una dittatura, deliberò le vergognose leggi razziali e perse una guerra che non ci lasciò neppure gli occhi per piangere. Il fascismo voleva accreditarsi, al pari della Resistenza vent’anni dopo, come un secondo Risorgimento. Ma tradì i suoi valori scolpiti sull’Altare della Patria: “Civium libertati”, “Patriae unitati”. Proprio così: alla libertà dei cittadini e all’unità della Patria.

Fini tuttavia ha sorvolato sul fatto che Giorgia Meloni è stata due volte ministro: una prima volta della Gioventù, proprio dal presidente di Alleanza nazionale indicata a Silvio Berlusconi, e una seconda volta, a ottobre, presidente del Consiglio per verdetto popolare. Tant’è che Sergio Mattarella, nelle consultazioni al Quirinale in vista della formazione del nuovo governo, intrattenne la delegazione di centrodestra, presentatasi unita, soltanto una manciata di minuti. Perché questa volta il capo del governo non sarebbe stato come Mario Draghi un’invenzione del Colle. E in tale veste Meloni ha giurato per due volte davanti al capo dello Stato di essere fedele alla Repubblica e di osservarne lealmente la Costituzione.

Orbene, basta scorrere i principi fondamentali per rendersi conto che la nostra Costituzione abbraccia tutti i valori delle democrazie autenticamente liberali. E così la sovranità appartiene, e non emana come in altre Carte, al popolo. Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge senza distinzione alcuna. Come invece era accaduto sovente in passato e in altri contesti. Quando si discriminava a seconda del sesso, della razza, della lingua, della religione, delle opinioni politiche, delle condizioni personali e sociali. Mentre nella parte prima della nostra Legge fondamentale, dedicata ai diritti e ai doveri dei cittadini, svetta l’articolo 21, a norma del quale tutti (cittadini, stranieri e apolidi) hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Si dà il caso che Giorgia Meloni non da oggi si riconosce pienamente nella Carta repubblicana. Perciò non ha bisogno di dichiararsi né antifascista, come pretenderebbe il monocolo Fini, né anticomunista.

Fascismo e comunismo sono consegnati alla storia. Tant’è che i loro beniamini si sono ridotti al lumicino. Le basta onorare il suo giuramento, senza bisogno di abiure che non hanno il benché minimo fondamento.

Non vi pare?

 

Paolo ArmaroliProfessore ordinario di Diritto pubblico comparato. Già docente di Diritto parlamentare, parlamentare nella XIII legislatura

Come incidere realmente nel rapporto tra cittadini, partiti e istituzioni

Il senso della Prima Repubblica, di cui più di qualcuno in questa fase - come recentemente da queste colonne, in Read more

Francesco Saverio Nitti: il liberal-riformista che sfidò Mussolini

In un rovente pomeriggio di giugno a palazzo Mattei di Paganica, storica sede dell’Enciclopedia Italiana, lo storico Massimo Crosti ha Read more

Europee, vincitori e vinti

A mente più fredda, è possibile trarre un primo bilancio del voto per le Europee che ha portato alle urne Read more

Democrazie, autocrazie e difesa dell’Ucraina

Alexis de Tocqueville Il processo democratico, cioè il modo in cui le democrazie discutono per deliberare, Read more

Articolo successivo
I sonni tranquilli di Meloni, con questa opposizione rissosa e divisa
Articolo precedente
Ucraina, la guerra si complica. O va verso una soluzione imprevista?

Menu