Codice appalti, Enzo Pelle (Filca-Cisl): bene approvazione in Cdm. Ma ora interventi per migliorare il testo

L’approvazione del nuovo Codice degli appalti è stata accolta con soddisfazione dal mondo delle imprese del settore e non soltanto, anche perché arriva dopo una lunga attesa e nel momento in cui l’edilizia ha avuto nuovo impulso grazie al cosiddetto bonus 110. Ora tocca al Parlamento intervenire per migliorare il testo di un provvedimento che inciderà sull’economia del Paese.

“Nel complesso l’impostazione del nuovo Codice valorizza l’interesse primario alla realizzazione delle opere in tempi congrui. Ora seguiremo con attenzione il percorso parlamentare per rivendicare ulteriori miglioramenti”.

È questo il pensiero del segretario generale della Filca-Cisl, il sindacato degli edili, Enzo Pelle, impegnato in questi giorni a illustrare in giro per l’Italia i programmi per questo importante comparto dell’economia che si intende portare avanti.

“Il nuovo Codice, ha dichiarato Pelle, ha l’evidente scopo di fornire un corpo unico, direttamente attuativo, grazie anche ai suoi 35 allegati. L’impianto normativo, osserva ancora Pelle, in molte sue disposizioni, è apprezzabile e condivisibile, penso ai chiarimenti che fornisce in merito alla sostituzione delle cosiddette stazioni appaltanti nei casi di inadempienza contributiva e retributiva delle imprese, nei casi di suddivisione in lotti nella realizzazione di un’opera”.

“Nel nuovo Codice, sottolinea Pelle, rimangono fermi quei principi positivi sui contratti per tutta la durata dell’appalto, con riferimento a quelli sottoscritti dalle organizzazioni sindacali più rappresentative, sul mantenimento delle stesse condizioni di lavoro in caso di subappalto. Inoltre, si conferma la centralità del sistema bilaterale nella certificazione contributiva, il Durc, una pietra miliare per il controllo della regolarità dei contributi e delle retribuzioni”.

Quanto agli eventuali correttivi che in Parlamento dovrebbero trovare spazio in sede di approvazione il segretario della Filca ne individua alcuni.“Noi crediamo, afferma, che sia ancora possibile rafforzare la digitalizzazione, strumento di semplificazione e trasparenza, e chiediamo l’elaborazione di un ‘bando tipo’ correlato a un ‘contratto tipo’ per tutti gli affidamenti, anche attraverso il dialogo con le parti interessate. Riteniamo importante, rileva ancora il segretario generale, il riferimento alle clausole sulla revisione dei prezzi, fondamentali per evitare di paralizzare il tessuto produttivo. La nostra proposta è l’introduzione di sistemi per aggiornamenti periodici dei prezzi, attraverso una sorta di paniere di beni fondamentali”.

Pelle ritiene meritevole di una particolare attenzione l’allineamento con la normativa europea in materia di appalti e subappalti. “Siamo impegnati per modificarla anche a livello comunitario. Posso affermare, conclude l’esponente sindacale, che quando entrerà in vigore, il Codice potrà trovare concreta e speriamo definitiva applicazione”.

 

Clara BallariGiornalista

Il “liberalismo assediato” e la “strategia di Alesia”

Su La Lettura, inserto domenicale del Corriere della Sera del 14 luglio 2024 (anniversario della Bastiglia), tre studiosi con posizioni Read more

Estrema destra, come si è andata evolvendo la comunicazione

Come comunica oggi l’estrema destra? Far passare un determinato messaggio sui social e su altri mezzi è fondamentale per la Read more

Carcere e suicidi: una soluzione va trovata!

Quando, lo scorso 24 maggio, è andato in scena, a Taviano (Lecce), lo spettacolo “Storie sbagliate” – una dolente riflessione Read more

Il caso di Terra d’Arneo. Una storia italiana

Marcello Seclì, per Italia Nostra-Sud Salento che lei rappresenta, che storia è quella di un’azienda (Porsche, ndr) che chiede lo Read more

Articolo successivo
A che punto è la notte, cittadino?
Articolo precedente
Scordamaglia: sovranità alimentare non significa autarchia

Menu