Canto del Gallo/ 18/

Parlare senza Parlare

Cultura

Elon Musk, continua a fare notizia. E che notizia…! Afferma.                                                                                    che un microchip, impiantato in una parte periferica del nostro                                                                      cervello, potrà permettere di interagire (dialogando) con un                                                                       computer, abolendo, così, ogni interferenza di manipolazione                                                                                    e risolvendo (intanto) un problema oggi insormontabile per tutti                                                                    coloro che, affetti da patologia paralizzante, non possono utilizzare                                                                   dita e mani; una straordinaria invenzione, che in futuro potrà essere                                                        trasferita a chiunque la voglia; facendo in prospettiva, una rivoluzione                                                              della storia del fare, tramutandolo da un fare, più o meno meccanico,                                                                    ad un virtuale, che è solo all’inizio di una trasmutazione antropologica;                                                                un passaggio dalla  forma di fisica, tattile, tradizionale ( che ormai si sta                                              autorelegando ai manuali del passato) ad una quantistica, che è la                                                                metafisica del nostro tempo, che è strepitosa da un lato, ma è già                                                             archeologia, del futuro sempre più veloce che ci attende e ci sorprende                                                                   e che sarà sempre più virtuale, fantasmando, ogni “dove” e ogni “cosa”.

Tutto somiglierà più a quello che vediamo nei sogni e che leggiamo nelle                                                    leggende mitologiche dei primordi, che non a quanto c’è di consolidato                                                                 nel nostro senso comune, del qui ed ora.                                                                                                                               Le stesse nuove teorie dello spazio/tempo, che sono in gran parte incomprensibili,                                         per chi scrive,                                                                                                                                                                                   però non c’è dubbio che siano già entrate nei nostri orologi, che dai                                                                  nostri polsi e dai nostri tavoli, sono migrati, invadendo ogni luogo, del                                                               reale e dell’immaginario ( che in ogni caso, non è la realtà, che è                                                                  sfuggente come l’orizzonte, imprendibile e irraggiungibile). Tanto che                                                                  mi viene da dire: “mondo orologio”, timer, cronografo, in scadimento                                                                    di ogni nostro tempo e di ogni nostro viaggio, sempre più in tempo acronico,                                                  tanto che appena siamo partiti, siamo già arrivati e ci viene da ridere                                                             quando pensiamo alla nostra infanzia, delle lontane americhe oppure                                                       dell’altro mondo australiano. Fra un pò, ci diventeranno familiari le                                                           cronache marziane o quelle venusiane e cominceremo a pensare, a                                                                    come e quando, uscire dal sistema solare.                                                                                                                      Tutto  sta diventando quasimodo                                                                                                                                                    e modo, come se il mito delle origini ci seguisse, con i suoi ippogrifi e                                                                       le sue chimere, le sue salite e discese olimpiche e la storia di Simon Mago                                                             e di Apollonio di Tiana, fossero leggibili come cronache del futuro, nei                                                       quotidiani online e tablet solo in soft, senza hard, in ologrammi  a scatto                                               individuale, del domani prossimo venturo, se non dell’oggi all’ora di cena.                                                       Non dobbiamo essere né negazionisti, né integrazionisti, ma prendere                                                                atto che la modernità, invenzione del futuro, è in mezzo a noi.                                                                      Dobbiamo,                                                                                                                                                                                 continuamente, convincerci che la scienza e la tecnica (sempre nuove                                                             sempre avveniristiche) entrano nelle nostre vite robottizzandoci, rompendo                                                   ogni confine tra materiale e artificiale, così come tra natura e cultura,                                                      facendoci diventare, alchemicamente, i continuatori inventivi del Dio creatore,                                                 che è quello che siamo stati, siamo e diventeremo. Non si tratta dell’impero                                            Kafkiano di cui parla Toni Negri, ma della sconfinata (e siamo appena agli inizi)                                                via della scienza, senza dogmi, ma con socratica, volontà di sapere.

 

Francesco Gallo MazzeoProfessore emerito ABA di Roma. Docente di Linguistica applicata ai nuovi linguaggi multimediali delle arti visive in Pantheon Institute  Design & Technology di Roma e Milano

 

Scienza e guerra, il manifesto di Erice (1982-2023). “Affinché le guerre in corso non fermino il dialogo fra gli scienziati”

Sapete cosa hanno in comune Paul Dirac (padre della teoria atomica), Piotr Kapitza (prime teorie sull’energia atomica) e Antonino Zichichi Read more

L’alieno che è in noi. Grande spettacolo teatrale di Aldo Augieri

Un generale proveniente dalla stella Virgo piomba sulla Terra. E precisamente in una casa, dov'è acceso il fuoco e dalla Read more

Sono un bambino cresciuto con il mito dei supereroi e dei fumetti

Il Romics, attesissimo evento per appassionati ed editori, si è appena concluso e ha messo in mostra ancora una volta Read more

Canto del Gallo/23 – Fine del solido. Impero dei numeri

Galileo Galilei e Isacco Newton, ci avevano abituato “male”, dopo la sberla che in poco tempo aveva fatto fuori l’antropocentrismo Read more

Tags: , , , ,
Articolo successivo
Una radice dell’odio che cova nel mondo libero
Articolo precedente
Ma cos’è questo fantastico? Il “sospetto” di una filologa

Menu