Scuola, abbandono e bullismo. Proposta in Parlamento di due nuove figure. Il pedagogista e l’educatore scolastico

L’obiettivo del progetto di legge è trasformare l’omologazione in equità

In Italia abbandona la scuola uno studente su sei mentre 15 ragazzi su cento sono vittime di bullismo. Alla fine dello scorso anno ben 83 mila ragazzi sono stati bocciati perché non hanno raggiunto la soglia minima delle presenze. Moltissime famiglie non sono in grado di supportare la motivazione allo studio dei propri figli. La competizione prevale sulla formazione e a farne le spese sono quelli che la scuola dovrebbe proteggere: i più deboli.

Dagli scrigni di Montecitorio spunta fuori un progetto di legge, prima firmataria l’onorevole Irene Manzi (Partito Democratico), che intende introdurre due nuove figure professionali in aula per prevenire le difficoltà scolastiche: il pedagogista e l’educatore scolastico. La premessa è semplice: la scuola non è un esamificio. “È il luogo dove si forma la personalità dell’individuo. Qui si incontrano diverse storie, diverse provenienze sociali e familiari, diverse modalità relazionali di cui ogni persona è portatrice”, spiega l’onorevole.

 

Scuola, Irene Manzi (Pd): "L'Italia è spaccata in due, l'autonomia della destra peggiorerà

On. Irene Manzi

 

Per riuscire a educare – e non solo a dare voti – serve armonia tra le componenti della comunità. “Pedagogista ed educatore accompagnano e sostengono l’opera della scuola nel rapporto tra i genitori, gli studenti e i docenti, affinché le relazioni educative siano al centro attraverso un intervento sistemico”, afferma Manzi. Gli studenti non devono seguire tutti gli stessi percorsi, ottenere gli stessi risultati, essere trattati allo stesso modo. L’obiettivo del progetto di legge è trasformare l’omologazione in equità: “Crescita personale e sociale, progetto di sé, futuro, educazione del singolo e di tutta la comunità educante”, spiega la deputata.

Al pedagogista tocca elaborare la strategia di inclusione di ciascuno studente, l’educatore lo aiuta invece a superare in concreto le difficoltà. Per iscriversi nell’apposito albo serve la laurea specifica, essere cittadini italiani e non aver riportato condanne penali che comportino l’interdizione dai pubblici uffici. Non c’è spazio per l’improvvisazione. “Tali ruoli, per la loro complessità, devono essere affidati a figure professionali con funzioni specifiche che non coincidono con le competenze dei docenti, i quali sono muniti di titolo di studio idoneo a trasmettere saperi”, spiega Manzi.

 

PIERO CALAMANDREI E LA COSTITUZIONE -

Piero Calamandrei

 

Il Belpaese spende per l’istruzione 8.514 euro per studente, il 15 per cento in meno delle grandi economie europee (circa 10 mila euro). Lo stipendio netto di un docente varia dai circa 1300 euro iniziali ai 1800 a fine carriera. Quasi 30 mila insegnanti hanno chiesto di lasciare in anticipo il lavoro: molti di loro a causa delle aggressioni fisiche e verbali che rischiano di dover affrontare ogni giorno in aula. Piero Calamandrei ammoniva già nell’Italia di ieri: “La scuola a lungo andare è più importante del Parlamento, della Magistratura e della Corte Costituzionale”. È qui che si rimuovono gli ostacoli che impediscono ai cittadini di domani di essere davvero uguali. Come Costituzione comanda.

 

Andrea Persili – Giornalista

I CENTO del grande fotografo Mario Carbone

100 anni ancora ben portati. Roma ha celebrato al Museo del Louvre di Via della Reginella il grande fotografo calabrese Read more

Sisifo, il mito dello spione e la coazione a ripetere

La fatica di Sisifo è un topos della letteratura colta del mondo occidentale, coltivato magistralmente da Camus (Il mito di Read more

La galleria di Cangemi, Procopio dei Coltelli e le origini del gelato

In un passo della Bibbia, il vecchio Isacco offre ad Abramo, come refrigerio contro l’arsura, latte di capra mista a Read more

Orizzonti provinciali ma problemi anche nazionali

Caro direttore, durante le crisi economiche, sociali, e culturali,  sul palcoscenico politico di solito salgono coloro che tendono a "distruggere Read more

Articolo successivo
Mercenari: quando “amare” la patria di altri è un affare
Articolo precedente
Afghanistan, il destino crudele dei Bacha posh

Menu