Quei senatori a vita schierati a sinistra

Politica

A un tizio che lo contestava dal loggione, Ettore Petrolini dal palcoscenico replicò: “Io non ce l’ho con te ma con quello che ti sta accanto perché ancora non ti ha buttato di sotto”.

Ettore Petrolini - Rome Guides Blog

Ettore Petrolini

Allo stesso modo, non possiamo rifarcela con i senatori a vita schierati a sinistra, per il semplice motivo che in democrazia ognuno la pensa come vuole. Ma possiamo avere qualcosa da ridire, con rispetto parlando, nei riguardi di quei presidenti della Repubblica che nelle nomine non hanno usato il bilancino e hanno insignito lor signori del laticlavio non solo per le loro indiscusse benemerenze ma anche perché avevano la stessa concezione del mondo – diciamo così – degli inquilini del Quirinale. Del resto, talis pater, talis filius.

Salvo lodevoli eccezioni, le cose sono andate sempre pressappoco così. Sempre. Tant’è che nelle votazioni fiduciarie, si trattasse di mozioni di fiducia o di questioni di fiducia, i predetti senatori con il torcicollo incorporato a manca hanno spesso e volentieri detto di sì ai governi di sinistra. Neppure fossero stati illuminati dallo Spirito santo. Mentre quando si trattava di concedere una fiducia sia pure stiracchiata a governi di destra, o c’era un fuggi fuggi generale pur di non esprimersi al riguardo o, nel migliore dei casi, si astenevano. Ma non sono mancati parecchi casi di voti contrari, alla faccia del fatto che i sullodati non sono rappresentanti del popolo.

Memorabili le fiducie al secondo governo Prodi, che in mancanza di una maggioranza politica affidabile si reggeva grazie alle stampelle – figurate o vere, come quelle di Rita Levi-Montalcini – dei senatori a vita. Voti determinanti. A tal punto che erano ricercati e portati con ogni mezzo nell’aula di Palazzo Madama perché dicessero il sospirato sì a Prodi e alla sua scombinata squadra di governo.

Prodi: non faccio campagna elettorale. Il prof non parla del centrosinistra  | 24Emilia

Romano Prodi

Manco a dirlo, la scena si è ripetuta con alcune varianti nella seduta del Senato del 26 ottobre scorso, quando l’assemblea di Palazzo Madama si è pronunciata con appello nominale sulla mozione di fiducia presentata dai capigruppo della maggioranza al governo Meloni.

Elena Cattaneo e Mario Monti, che ha avuto la compiacenza di motivare il proprio voto, si sono – bontà loro – astenuti.

La senatrice a vita Elena Cattaneo rapinata e ferita in metro - Prima Monza

Elena Cattaneo

A 10 anni dal "golpe" Monti riscrive la storia: "L'Europa ci soffocava" -  ilGiornale.it

Mario Monti

 

 

 

 

 

Liliana Segre e Carlo Rubbia erano assenti perché in missione. Sic. Per un evento così importante come la fiducia al governo forse la Segre, la cui presidenza provvisoria del Senato assunta il 13 ottobre è stata ammirevole, forse poteva farsi viva.

I 90 anni di Liliana Segre contro l'odio e la violenza | Vanity Fair Italia

Liliana Segre

Quanto a Rubbia, il Nobel per la fisica risiede a Ginevra ed è in precarie condizioni di salute, tant’è che da gran tempo non si fa vivo al Senato. Del resto, non è mai stato – per usare un eufemismo – un assiduo frequentatore di Palazzo Madama.

Chi è Carlo Rubbia, il premio Nobel nominato senatore a vita

Carlo Rubbia

Dulcis in fundo, si fa per dire, Renzo Piano. Ha la doppia cittadinanza, italiana e francese, e risiede al Parigi. Chissà se con questi chiari di luna da che parte sta, di qua o di là. Straordinario giramondo, architetto sommo, si è confessato in maniera splendida con Gian Antonio Stella sul “Corriere della Sera” del 25 novembre. Fa onore all’Italia, questo è certo. Un po’ meno al Senato.

Renzo Piano il munifico. Il senatore a vita devolverà l'indennità a giovani  progettisti e architetti di valore. Ma ora quel che ci aspettiamo da lui  sono leggi innovative | Artribune

Renzo Piano

Tra i cinque senatori di nomina presidenziale in carica, è stato il solo che non era né in missione né astenuto. Semplicemente, assente ingiustificato. Un fantasma, tanto per cambiare. Ma quando si trattò di votare nella seduta del 27 novembre 2013 la decadenza dal Senato di Silvio Berlusconi, lui, unico tra i senatori a vita, c’era. Eccome se c’era. E votò contro gli ordini del giorno contrari alla sua decadenza.

Papa Ratzinger, quando non se l’è più sentita, si è dimesso. Che gran Papa!

 

Paolo ArmaroliProfessore Ordinario di Diritto comparato, già deputato nella XIII legislatura

Le ricerche di Ruotolo / Vasil Bilak, memorie di uno stalinista. Fu il “postino” della lettera a Breznev per l’intervento Urss a Praga

Dieci anni fa se ne andava l'ultimo dei duri, l'uomo che insieme ad altri cinque esponenti del PC cecoslovacco firmò Read more

Sardegna, tanto tuonò che …Todde. Il Pd teme l’effetto-rondine, Salvini lascia o raddoppia?

Analisi del post voto in Sardegna: la vittoria di Alessandra Todde interrompe il ritmo lento della campagna elettorale verso le Read more

FI 30 anni dopo. Brevi appunti per una fenomenologia di Berlusconi e del berlusconismo

Sono passati 30 anni da quel famoso videomessaggio del miracolo italiano con incipit fulminante («L’Italia è il Paese che amo. Read more

Modesta proposta sulla questione dei mandati (elettorali)

Sulla questione dei mandati, non di cattura ma elettorali, dei presidenti di regione e dei sindaci, avrei una proposta. Mi Read more

Articolo successivo
Per il Sud il Pnrr è l’ultimo treno. Si allarga la forbice Nord-Sud. Fitto: è in atto un confronto costruttivo con l’Europa per far funzionare al meglio il Pnrr
Articolo precedente
Spicchi di città: quel che resta della Sinistra

Menu