La nuova Rai di Roberto Sergio e di Giampaolo Rossi

Dopo le dimissioni di Carlo Fuortes ai vertici della RAI arrivano Roberto Sergio e Giampaolo Rossi, due icone del mondo dei media

 

 

Le notizie: Roberto Sergio, designato dal Consiglio dei ministri, è il nuovo amministratore delegato della RAI. Giampaolo Rossi è il nuovo Direttore Generale. Espletate le formalità di rito, il nuovo Amministratore Delegato ha comunicato di voler nominare Paola Marchesini quale direttore dello Staff Amministratore Delegato.

Per la RAI dunque si apre una nuova stagione.

Ai vertici di “mamma RAI” arrivano oggi due volti e soprattutto due nomi eccellenti del mondo della comunicazione italiana. I loro curriculum sono da “primi della classe”, due protagonisti della storia della RAI, soprattutto Roberto Sergio, per via delle esperienze importanti maturate in questo settore.

Si può certamente dire che alla guida della RAI arrivano due manager di grande competenza e di grande tradizione aziendale.

Vediamo i loro curriculum ufficiali.

Storico Direttore di Radio Rai, Consigliere di Amministrazione del Tavolo Editori Radio, di PER – Player Editori Radio, di Rai Com e membro della Commissione Radio CRTV (Confindustria Radio Televisioni), Roberto Sergio è nato a Roma nel 1960.

Iscritto alla Federazione Relazioni Pubbliche Italia (FERPI) nell’albo professionisti, iscritto all’Albo dei Giornalisti, sposato con Isabella Rusconi, ha due figli, Erminio ed Elisa. Famiglia di origini calabresi, una Laurea a pieni voti in Scienze politiche e Scienze delle Comunicazioni, manager esperto di telecomunicazioni, inizia il proprio percorso professionale nel 1985 presso la Sogei – Società Generale d’Informatica SpA.

Nel 1997 passa in Lottomatica Italia Servizi (gruppo LIS SpA), dove assume, in quattro anni di attività, la responsabilità di diversi settori: Relazioni Esterne e Rapporti Istituzionali; Comunicazione e Pubblicità; Sviluppo Business; Marketing e Comunicazione; Direzione Commerciale.

Dal 1982 anima e dirige il Premio Laurentum per la Poesia, oggi riconosciuto a livello internazionale tra i premi letterari più importanti in Italia, oltre ad essere in assoluto il più partecipato. Presidente della Giuria è Gianni Letta. Tra il 2001 e il 2003 è prima direttore Comunicazione e Immagine e poi Vice Direttore Generale di Lottomatica SpA (oggi IGT). Nel 2002 e per due anni è anche presidente del Consiglio di Amministrazione dell’Azienda. Nel 2004 è chiamato in Rai come direttore dell’area Nuovi Media, incarico che svolge fino al 2007, quando è designato presidente di SIPRA (poi Rai Pubblicità).

In questi anni ricopre anche l’incarico di consigliere di amministrazione di Rai Net, Rai Click e Rai Sat. Nel settembre 2012 assume il ruolo di presidente di Rai Way. Ad aprile 2015 riceve la responsabilità della Vice Direzione della Radio. Da luglio dello stesso anno ha anche la responsabilità di seguire i rapporti con le consociate del gruppo Rai, con la qualifica di Direttore.

Da dicembre 2016 gli viene affidata la responsabilità ad interim della Direzione Radio. Nel giugno 2017 viene nominato Direttore della Direzione Radio. Da luglio 2019 è Consigliere di Amministrazione di PER – Player Editori Radio. Da giugno 2020 infine è Consigliere di Amministrazione di Rai Com e dal 15 maggio 2023, designato dal Consiglio dei Ministri su proposta del Ministro dell’economia e delle finanze, assume la carica di Amministratore Delegato della Rai – Radiotelevisione Italiana S.p.A., mantenendo ad interim la responsabilità della Direzione Radio.

Vecchio amico personale di Pier Ferdinando Casini, storicamente ritenuto di area centrista ma forte di un gradimento bipartisan, Roberto Sergio ha fatto sua la sfida della visual radio e della completa digitalizzazione degli studi, dei sistemi e dei processi produttivi. Obiettivo dichiarato: intercettare i giovanissimi, quei 15-24enni che fanno gola a tutti gli editori, più che mai di fronte all’invecchiamento dei target tradizionali. Altra prateria da attraversare, il mondo dei podcast, di cui ha allargato l’offerta anche a temi di economia, finanza, società.

Una volta insediato Roberto Sergio ha proceduto alla nomina, come direttore generale con deleghe operative, di Giampaolo Rossi, eletto nel cda di Viale Mazzini nel 2018 in quota Fratelli d’Italia, intellettuale e manager molto vicino a Giorgia Meloni.

*****

Anche la storia di Rossi è da “primo della classe”

Giampaolo Rossi è nato a Roma nel 1966, è laureato in Lettere presso l’Università “La Sapienza” di Roma. Di formazione storico-umanistica, ha maturato molteplici esperienze professionali nell’industria dei media ed in particolar modo nell’innovazione dei linguaggi, delle nuove tecnologie con particolare riferimento alla trans-medialità.

“Lui – dice Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera- è sempre stato il nostro filosofo, un costruttore di ponti che parlava di Pasolini e Marcuse a Colle Oppio. Uno che non aveva nostalgie fasciste. Protagonista della lista studentesca ‘comunità’ insieme a destra, Comunione e liberazione e ambientalisti”.

Dal 2004 al 2012 è stato presidente di Rainet la società del gruppo Rai che ha sviluppato l’intera offerta web del Servizio Pubblico radiotelevisivo. Da anni si occupa di formazione legata all’industria dei media; è Direttore del Master in Media Entertainment presso la Link Campus University e Presidente del Consiglio Direttivo di Polis, la scuola di formazione politica della stessa università, dove dirige il corso sui Nuovi linguaggi della politica.

 

 

Dal 2009 al 2016 ha insegnato Teorie e tecniche dei linguaggi cross-mediali presso l’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli. È stato Digital Consultant presso la Direzione di RadioRai. Nel 2012 ha co-fondato Greater Fool Media Srl, uno dei principali Multimedia Channel italiani. Ha svolto attività di consulenza media per diverse aziende.

Ha più volte ricoperto l’incarico di consigliere d’amministrazione dell’Istituzione Biblioteche di Roma, il più grande sistema bibliotecario italiano, sviluppando progetti per la multimedialità legati alla lettura e alla scrittura. Svolge collaborazioni saltuarie con “Il Giornale”. Nel luglio 2018 è eletto dalla Camera dei Deputati componente del Consiglio di Amministrazione della RAI-Radiotelevisione italiana. Nel dicembre 2018 è divenuto membro del Consiglio di Presidenza di Confindustria Radiotelevisioni. Da febbraio a luglio 2019 ha ricoperto l’incarico di Consigliere di Amministrazione di Rai Pubblicità S.p.A.

Anche il suo non sarà un compito facile, chiamato a misurarsi con le mille polemiche interne all’Azienda e con una tecnologia sempre più avanzata e che in futuro sarà dominata e condizionata dall’Intelligenza Artificiale.

Il suo compito precipuo- dicono già oggi a Viale Mazzini- sarà quello di “garantire la pluralità delle narrazioni, il racconto della nostra nazione nelle sue diverse forme di espressione, garantendo il principio fondamentale della libertà”, così come ha spiegato lo stesso Giampaolo Rossi di recente agli Stati generali della cultura nazionale. L’unica egemonia da garantire, ha sottolineato in quella occasione il nuovo Direttore Generale della RAI, “è quella della libertà culturale” e la Rai “è il perno del sistema culturale del nostro Paese”. E per “liberare la cultura da tutte le sue deformazioni e imposizioni” servono “coraggio, una visione e non aver paura degli immaginari”.

Subito dopo la sua nomina il nuovo Amministratore Delegato ha comunicato di voler nominare Paola Marchesini quale direttore dello Staff dell’Amministratore Delegato.

 

 

Ma chi è Paola Marchesini?

Nata a Torino nel 1966, è laureata in Scienze Politiche. Viene assunta in Rai nel 1993 a seguito di selezione per laureati ed entra nell’Ispettorato del Personale. Un anno dopo è assegnata a Rai 2 e, nel 1995, alla Direzione Format-Supporto Gestionale – Personale, Contratti e Sponsorizzazioni.

Tre anni dopo è a Rai 3, nell’ambito del Supporto Gestionale. A seguito del nuovo assetto organizzativo aziendale, viene inquadrata nella Divisione TV Canale 3 e Offerte Collegate, nella struttura Contratti e Acquisti, dove è Responsabile delle Convenzioni e Contratti Diversi. Successivamente, lo stesso anno, viene assegnata alla Gestione Personale Fuori Organico.Nel marzo 2000 entra, con lo stesso ruolo, alla divisione Radiofonia.

Quattro anni dopo, in relazione al nuovo assetto organizzativo aziendale, diventa Responsabile Gestione del Personale Fuori Organico, Diritti d’Autore e Risorse Delegate della Direzione Radio, dove viene nominata dirigente nel dicembre 2005.

Nel 2007 assume la responsabilità delle Risorse Radiofoniche della Direzione Radio, attività che svolge fino al novembre del 2013, quando viene nominata Vice Direttrice della Radio, con delega sulle strutture Produzione e Risorse Radiofoniche.

Da giugno 2014 è Direttrice di Rai Radio 2. È stata Consigliere di Amministrazione di Rai Pubblicità da aprile 2015 a febbraio 2019. Da marzo 2022 è Consigliere di Amministrazione di PER Player Editori Radio, da maggio 2022 è inoltre Consigliere di Amministrazione di Rai Pubblicità.

Anche il suo, dunque, un curriculum tutto aziendale e di alto profilo istituzionale.

Il primo compito, per altro delicatissimo e complesso, che i due nuovi manager Roberto Sergio e Gianpaolo Rossi dovranno ora affrontare insieme sarà la definizione dei nuovi palinsesti della prossima stagione, che saranno presentati agli sponsor a luglio prossimo, e varare in tempi rapidi una tornata di nomine che coinvolgerà direzioni di genere e testate.

Anche qui si fanno già i primi nomi dei nuovi direttori di Reti e di Telegiornali, ma è ancora troppo presto per renderli pubblici, soprattutto per non incorrere nel rischio di favorire qualcuno e “bruciare” altri.

Questo significa che ne parleremo a tempo dovuto.

 

Pino NanoGià capo redattore centrale della Rai

Francesco Saverio Nitti: il liberal-riformista che sfidò Mussolini

In un rovente pomeriggio di giugno a palazzo Mattei di Paganica, storica sede dell’Enciclopedia Italiana, lo storico Massimo Crosti ha Read more

Europee, vincitori e vinti

A mente più fredda, è possibile trarre un primo bilancio del voto per le Europee che ha portato alle urne Read more

Democrazie, autocrazie e difesa dell’Ucraina

Alexis de Tocqueville Il processo democratico, cioè il modo in cui le democrazie discutono per deliberare, Read more

L’exploit di Mesagne, tra leadership e rinascimento

Il consenso straordinario tributato dagli elettori di Mesagne, in provincia di Brindisi, al primo cittadino Toni Matarelli va molto al Read more

Articolo successivo
Senatori a vita, come li vede “da vicino” Paolo Armaroli. Da Andreotti a Fanfani da Spadolini a Segre
Articolo precedente
Andreotti, gli archivi ne daranno un ritratto senza false leggende

Menu