Il canto del Gallo. “Evoluzione. Intuizione. Creazione”

Mi è capitato tra le mani un volumone, “Storia dell’idea

di tempo” di Henri Bergson (che però si legge tutto di un fiato), accanto

al ben più famoso, “L’evoluzione creativa”, portandomi a riflettere

su aspetti del linguaggio colloquiale o formale che riguardano,

su entrambi i fronti, quello dell’evoluzione e della creazione,

di cui critici, storici dell’arte, fanno un uso abbondante, assieme

a molti storici della cultura, la cui confusione mi desta un

certo allarme. Si parla dell’evoluzione delle arti, delle scienze,

dei saperi, con una leggerezza, veramente incredibile, come

se ciò che è frutto dell’intelligenza (di volere o non volere) potesse

essere denominato con un termine che è biologico e meccanico.

implacabile (e non intelligente). Si parla, altresì, di creazione, di

creatività, di uffici creativi e di manager creativi, con una leggerezza

incredibile, là dove si dovrebbe parlare di inventiva, perché la

creatività umana, si chiama invenzione. In quanto creare vuol

dire di un fare ex/nihilo, mentre l’uomo (cioè mai) ha bisogno

per avanzare dal noto all’ignoto, di un metodo, di un linguaggio,

di una tecnica, senza cui il (suo) pensiero rimane come fantasma

della mente e lo può portare ad allucinazioni, per eccesso, a depressione

per difetto. Bergson (ma anche Darwin) a forza di girarsi

e rigirarsi nella tomba, hanno fatto più volte il giro del mondo;

ma come si sa, noi che ne abbiamo abusato, nel definirci rivoluzionari.

La stessa rivoluzione è un controsenso, in quanto anulare e non

vettoriale, per cui possiamo affermare che viviamo accanto a troppo

linguaggio errato e contraddittorio, che a forza di connivenza

convince di essere esatto, mentre è totalmente errato. L’invito

a leggere l’alta pubblicistica linguistica, sociologica, psicologica

è anche quello di ripristinare la connotazione e la denotazione

della parola, della frase, del discorso, senza cui non c’è altro che confusione

incomprensione e un nuovo “ordine” di Babele. Che non è il massimo…

 

Francesco Gallo Mazzeo – Professore di Storia dell’Arte nelle Accademie di Belle Arti, critico e saggista

 

IA, Bonanni: niente allarmismi, occorre però puntare sulla formazione

L'appassionante interesse sulla Intelligenza artificiale continua a provocare confronti senza fine, tipici di argomenti che annunciano grandi cambiamenti nelle nostre Read more

70 anni di RAI, al servizio della democrazia e della Repubblica

“La Rai - Radio Televisione Italiana inizia oggi il suo regolare servizio di trasmissioni televisive”: con queste parole, l’annunciatrice Fulvia Read more

L’odissea dei padri separati e dei figli e dei diritti negati, sentiamo l’altra campana

Caro direttore, intervengo sul tema trattato giorni fa da Beemagazine, coppie che si separano e figli senza diritti, spesso inascoltati. Read more

Prof. Luigi Sergio Germani: Il mondo dell’intelligence? Non è come ce lo mostra il cinema 

Professor Germani, il mondo dell’intelligence, dei servizi segreti resta per i più un pianeta sconosciuto e misterioso. Influisce sulla modalità Read more

Articolo successivo
De profundis. Dove sono finiti gli intellettuali
Articolo precedente
Mal d’Africa, riscoprire il Continente con un libro di Giancarlo Capozzoli. Anche per sfatare pregiudizi e alcune distorte visioni. Tanti dati interessanti

Menu