Biennale Venezia – Padiglione Tosatti

 

Padiglione Italia che riproduce su scala 1/1, un ordinario padiglione tessile di una delle tante aziende che prima c’erano ed oggi non ci sono più. Un’installazione totale che risponde al quesito della sostenibilità, posto dall’inquinamento, dalla pandemia, dalla guerra e tutti gli artisti sono stati precettati a tenerne conto, come tema da svolgere e che tanti hanno svolto con diligenza, come nel caso di Tosatti, Gian Maria Tosatti, per completezza.

Con altro, con altri… proprio no, in solitario, con un ripetitivo e monotono seguirsi di postazioni di lavoro, senza persone, nel silenzio che segna il fine orario…la cassa integrazione collettiva, il licenziamento di massa. Poteva esserci altro nel nostro padiglione, ma non c’è, in una totalità depressiva che non ammette altro. Ora io mi pongo la domanda: ti piace…!? Rispondo, che il piacere e il dispiacere, possono essere (e sono) soggettivi, quindi non sono transitivi.

 

 

Ha fatto bene il curatore a fare una esposizione totalizzante, totalitaria. E fin qui nessuna questione.

Dove non mi trovo affatto è sul tema che è stato scelto, un tema troppo grande e poco coinvolgente della creatività artistica, dopo un già visto glorioso (e lo dico con reverenza) di grandi artisti come Beuys, Christo, i Kabakov, Gilardi, Nitsch, Hirst; c’è dell’altro… certo che c’è, ma non è la retroguardia del già visto, del ripetuto.

Mi trovo da un’altra parte e non concordo con l’epigrafe di questa biennale e neanche con la risposta di Tosatti che mi sembra saccente, quando dice che dobbiamo cedere il passo del nostro primato e dobbiamo rivoluzionarci, stando attenti a dove mettiamo i piedi, per evitare di schiacciare anche uno scarafaggio. È un linguaggio indicativo, oppure metaforico, non è chiaro e forse non vuole esserlo. Però in questa occasione, il padiglione italiano, che non ha mai brillato, ora proprio lascia molto a desiderare.

 

Francesco Gallo Mazzeo – Professore di Storia dell’Arte nelle Accademie di Belle Arti; critico e saggista

Bufera Juventus, torna al centro la questione: quali valori nel calcio?

I 15 punti di penalizzazione inflitti alla Juventus, arrivati come un fulmine a ciel sereno, hanno aperto una nuova, ma Read more

Per non dimenticare. Per agire

Il 27 gennaio del 1945 le truppe dell’Armata Rossa arrivarono ad Auschwitz, in polacco Oswiecim, e scoprirono quello che è Read more

Allarme Ue sul vino. Centinaio: non si penalizza solo l’Italia. Il governo porta avanti la battaglia. Occorre fare rete tra i produttori

Gian Marco Centinaio, attuale vicepresidente del Senato in quota Lega, è stato ministro delle Politiche Agricole nel primo governo Conte Read more

La mafia? È il vero cancro della società civile. Parla il Gran Maestro del Grande Oriente

Garbo, cortesia, sobrietà e rigore assoluto nelle risposte che ci dà. Questo è stato con noi ieri Stefano Bisi, Gran Read more

Articolo successivo
Farsi pellegrino
Articolo precedente
Canto del Gallo

Menu