Ursula, ultimo fronte o ultima frontiera per i duellanti Meloni e Salvini

Politica

Il leader leghista cavalca l’indebolimento dell’asse tra la premier e la presidente della Commissione. Ma “venti di cambiamento” potrebbero trasformarsi per lui in un definitivo Papeete europeo.

L’ultimo fronte della competizione elettorale e politica tra Matteo Salvini e Giorgia Meloni si chiama Ursula Von der Leyen, la presidente della Commissione Europea, in carica e in cerca di un bis del mandato dopo le Europee.

La spitzenkandidat dei Popolari, appena scelta senza grande entusiasmo a Bucarest dal suo partito. La donna forte dei Ventisette, che dopo aver ricevuto gli allori per la gestione dei vaccini anti-covid in pandemia si è incagliata sul Green Deal, rischiando di essere metaforicamente travolta dai trattori degli agricoltori come è realmente accaduto alla storica statua in Place de Luxembourg a Bruxelles. E adesso dovrà vedersela davanti alla Corte di Giustizia per lo scongelamento dei fondi di coesione all’Ungheria, denunciata dall’Europarlamento (Ppe compreso) in un clamoroso conflitto istituzionale.

Nei mesi scorsi è apparso sempre più evidente il ruolo simbolico di Von der Leyen nella plastica divaricazione di intenti e strategie tra la premier e il più ingestibile dei suoi numeri due (all’altro, Antonio Tajani, è stato rimproverato di essere fin troppo acquiescente, ma potrebbe ricavarne un discreto gruzzolo di voti). Più Meloni tesseva la sua tela – fatta di incontri pubblici e colloqui privati – più Salvini gliela disfaceva. Fino all’ultima miccia: il video-messaggio di Marine Le Pen al raduno romano dei sovranisti, annunciato con brivido dai leghisti padroni di casa. Sei minuti in cui la leader del Rassemblement National e possibile candidata (per la terza volta) all’Eliseo si è rivolta in modo diretto alla premier: “Ci batteremo per evitare un secondo mandato a Madame Von der Leyen. E ho una vera domanda per gli italiani. Giorgia, sì perché ci siamo conosciute in passato, Signora Primo ministro, la sosterrete sì o no per il secondo mandato? Io credo di sì, ma dovete dire agli italiani cosa farete. Credo che a destra l’unico candidato che le si opporrà con tutte le energie è Matteo Salvini”.

Tailleur rosso e grandi sorrisi, ma modi spicci ed effetto deflagrante. Una dichiarazione di guerra dalla prima donna della destra d’Oltralpe – benedetta dal leader leghista – che ha lasciato Palazzo Chigi sbigottito e irritato. Un’entrata a gamba tesa nell’ambiguità di FdI, che si è sempre detto indisponibile ad una maggioranza a Strasburgo con i Socialisti, ma che tiene la porta aperta ad una nuova “maggioranza Ursula” per la guida della futura Commissione. A dettare legge, come sempre, saranno i numeri in uscita dalle urne, ma Salvini approfitta di ogni occasione per minare questa cripto-alleanza e sottolineare la propria identità di destra-destra.

Meloni e Von der Leyen hanno cementato un rapporto privilegiato che ha acceso su entrambe i riflettori: la tedesca ha accompagnato l’italiana in Tunisia e in Egitto per gli accordi sull’immigrazione, è stata ricevuta a Forlì per solidarizzare con le comunità alluvionate. Né è sfuggito l’atteggiamento attendista (e non di condanna) dell’euro-governo sull’”esternalizzazione” della pratica attraverso i due centri da costruire nell’Albania di Edi Rama. La Lega, invece, non ha mai smesso di ripetere: “Mai con Von der Leyen”, e non ha intenzione di placarsi proprio ora che l’avversaria è in difficoltà, stretta tra i mugugni della Cdu e le proteste dei contadini nell’Europa continentale. Al punto che Meloni ha raffreddato la luna di miele riavvicinandosi a Macron e commentando che il bis di Ursula “non la appassiona”.

Salvini dunque affonda il coltello nella piaga. Perché – contestato dal partito del Nord, braccato dai governatori, a picco nei consensi – a giugno si gioca in una mano un’intera partita politica. E perché, forse, cova una segreta speranza: simul stabunt, simul cadent. Liberarsi delle zavorre in Europa e, chissà, magari in Italia. Numeri alla mano i “winds of change” – i venti del cambiamento titolo della kermesse sovranista – soffiano assai deboli, e rischiano piuttosto di trasformarsi in un definitivo “Papeete europeo”. Ma Ursula, per i duellanti Meloni e Salvini, potrebbe trasformarsi da ultimo fronte in ultima frontiera.

 

Federica FantozziGiornalista

Scenari – La “solitudine” di Giorgia

Tra l'urgenza di costruire una forte classe dirigente e la necessità di progettare un partito nuovo di stampo liberal-conservatore di Read more

Dario Nardella : un estremista per prudenza

Il silenzio è d’oro, la parola non sempre lo è.  Ma Dario Nardella, ancora per poco sindaco di Firenze perché Read more

Premierato elettivo, equivoci e improvvisazione. Tres si idem dicunt non est idem

In linea di massima, due dei tre partiti della coalizione governativa sono stati in passato favorevoli al regime presidenziale. Fratelli Read more

Verso le europee / Valbruzzi: superare prima la debolezza politica dell’UE, poi riformare l’assetto istituzionale

Professor Valbruzzi, ci avviciniamo alle elezioni Europee e si riinizia a discutere della necessità di riformare l’assetto istituzionale europeo. Quanto Read more

Tags: , , ,
Articolo successivo
Conservatori o sovranisti? La Destra è al bivio
Articolo precedente
Argo, patrono degli 007

Menu