I corsivi di Pangloss. Le astuzie o le rivalse della storia. Segre, un destino in due banchi

In una triste giornata di ottobre del 1938 – allora la scuole cominciavano in quel mese, non in settembre come oggi – una bambina dovette lasciare vuoto il suo banco della scuola elementare e non la poté più frequentare. Che cosa era successo?

Quella bambina si chiamava Liliana Segre.

Quella bambina 84 dopo, sempre in un giorno di ottobre, si è seduta su un altro banco, stavolta quello più alto del Senato per presiedere la seduta inaugurale della XIX legislatura. Toccava al presidente Napolitano, più anziano, ma non aveva potuto per ragioni di salute.

E così la senatrice Segre ha potuto fare un discorso che dovrebbe essere stampato e distribuito agli studenti delle scuole: dalle elementari all’Università: un modello di sobrietà, di alto valore civile, una lezione di stile e e di storia, un invito ai politici a smettere la politica urlata e a tenere un dialogo con gentilezza e mitezza (parole quasi fuori circolazione nel mondo politico italiano NdR)

Piero Calamandrei e Montepulciano - Mercoledì 30 Novembre 2016 - Info Point

Un discorso da vestale della Repubblica, che ha ricordato tre punti fermi su cui si deve reggere la convivenza democratica di un Paese:

1) la Costituzione non è un pezzo di carta ma il testamento di centomila morti caduti nella lotta per la libertà, una lotta – ha ricordato la senatrice a vita- che non è cominciata nel ’43 (con la Resistenza ma  risale a Giacomo Matteotti, vittima del più grave delitto della Storia d’Italia della prima metà del Novecento.

Premio Giacomo Matteotti 2021 - Rai Cultura

2) le democrazie mature si reggono e si ritrovano in valori condivisi, istituzioni rispettate, emblemi riconosciuti. E ha simboleggiato tutto questo in tre date: 25 aprile, Primo Maggio e 2 giugno.

3) Rivolta ai senatori, ha detto: il Paese ci guarda. Bisogna servire le Istituzioni, non servirsi di esse.

 Insomma, un discorso in cui è parso di sentire aleggiare lo spirito che animò i Padri Costituenti quando scrissero la Costituzione per una nuova Italia.

L’altezza di questo discorso è stata tale che il neopresidente La Russa, che le ha fatto omaggio di un mazzo di fiori, riferendosi alla sen. Segre non l’ha chiamata presidente provvisorio ma presidente morale.

Un riconoscimento venuto da un post fascista a una vittima delle infami leggi razziali fasciste. Non è solo un omaggio. Ѐ, oggettivamente, il riconoscimento e la rivincita della Storia.

 

Pangloss

Direttiva Ue sulla casa, Enzo Pelle (Filca-Cisl): urgono interventi strutturali e straordinari

“L’applicazione della Direttiva Ue sulle performance energetiche delle case oggi in Italia appare per molti versi impraticabile, la tempistica e Read more

Bufera Juventus, torna al centro la questione: quali valori nel calcio?

I 15 punti di penalizzazione inflitti alla Juventus, arrivati come un fulmine a ciel sereno, hanno aperto una nuova, ma Read more

Per non dimenticare. Per agire

Il 27 gennaio del 1945 le truppe dell’Armata Rossa arrivarono ad Auschwitz, in polacco Oswiecim, e scoprirono quello che è Read more

Allarme Ue sul vino. Centinaio: non si penalizza solo l’Italia. Il governo porta avanti la battaglia. Occorre fare rete tra i produttori

Gian Marco Centinaio, attuale vicepresidente del Senato in quota Lega, è stato ministro delle Politiche Agricole nel primo governo Conte Read more

Articolo successivo
I corsivi di Pangloss. Patriota? On. Meloni, le parole sono importanti!
Articolo precedente
In tema di rapporto tra cattolici e politica

Menu