Guerra in Ucraina, parla il gen. Angioni: Putin non sarà in grado di sopravvivere a una sconfitta

Le armi? Meglio fornire assistenza umanitaria. Ucraina nella Ue e nella Nato? Ancora prematuro. Non possiamo continuare a trascurare il ruolo della Cina

Il generale Franco Angioni, già presidente del Consiglio dell’Ordine Militare d’Italia, Croce d’oro di Anzianità di Servizio Militare e comandante del contingente militare italiano della missione multinazionale in Libano tra il 1982 e il 1984. Angioni è stato anche Consigliere militare del presidente del Consiglio De Mita, comandante delle Forze terrestri alleate del Sud Europa, segretario generale della Difesa. Nel 2001 fu eletto deputato nello schieramento dell’Ulivo. Al generale Angioni e alla sua esperienza, chiediamo lumi sugli ultimi scenari del conflitto tra Russia e Ucraina.

Franco Angioni

 

 È da prevedere una fine di questo conflitto?

Per il momento no. Le situazioni sono ancora da risolvere. L’importante è mantenere la calma, per fare in modo che ci si possa incontrare, discuterne e venirne fuori. Per il momento la comunità umana deve tenere in conto che stiamo attraversando un momento difficile, come vediamo con queste imbarcazioni che trasportano centinaia di persone. In pieno secolo moderno, siamo tornati indietro di anni.

Crede a una trattativa di pace?

No, perché non c’è ancora una vera e propria guerra. Siamo agli “scontri di base”. Una volta questi corrispondevano a un preludio che si concludeva con uno scontro. Adesso, siccome si sa che la conclusione potrebbe essere disastrosa, si cerca di tergiversare e rimaniamo così, nell’incertezza evolutiva. Ciò che è necessario è la buona volontà degli uomini, cercare di salvare chi sta male. Anche nei secoli precedenti c’era gente che stava male, ma non si manifestava. Invece adesso abbiamo la consapevolezza della disperazione, di conseguenza non si può accettare di voltarsi dall’altra parte. Non abbiamo ancora trovato la possibilità di una convivenza dignitosa.

L’Italia fa bene a fornire armi?

Dobbiamo fornire assistenza, non fornire armi. Assistenza in termini umani, per fare in modo che chi sta male possa sopravvivere o chi in situazioni spregevoli possa migliorare. Non accettare supinamente quello che si verifica. Ci deve essere poi la possibilità di potersi trasferire con una certa disinvoltura, imbarcandosi su navi dignitose di questo nome.

L’Ucraina deve entrare nell’Ue e anche nella Nato?

È ancora prematuro. La Nato è un’organizzazione di Paesi che hanno una solida stabilità. Ogni componente ha una sua autonomia e le autonomie si inseriscono e si completano reciprocamente. Chi arriva deve essere in queste condizioni e l’Ucraina non le ha. Bisogna quindi agire con molta prudenza per mantenere uno status quo.

C’è stata un’assenza e un’incapacità dell’Onu in questa guerra?

L’Onu deve dimostrare la sua capacità nel non rompere quella fragilità che esiste nel confronto tra i vari Paesi. È un momento difficile perché pericoloso. Deve aiutare, nella misura che non superi un certo limite, popoli che aspirano a una certa libertà. Ci sono state situazioni peggiori di quella che stiamo vivendo, ma dobbiamo stare attenti a non farla degenerare perché è fragile, essendoci una minaccia: la disponibilità del nucleare, ormai a portata di mano di governi che possono essere pericolosi.

Xi Jinping

Che ruolo sta occupando e occuperà la Cina?

Un ruolo importante. Lo dobbiamo tenere presente, non lo possiamo trascurare come abbiamo fatto nei secoli scorsi, come un Paese da studiare. Ormai la Cina è un elemento di guida nello scenario mondiale. Bisogna fare in modo che quella moltitudine di milioni di persone non degeneri. Non possiamo assorbirla, ma accettarla per poterci convivere.

Putin sarà in grado di sopravvivere a un’eventuale sconfitta in Ucraina?

Putin

 

No, non sarà in grado. Quindi l’Occidente deve fare attenzione a seguire questo momento perché c’è una frattura che non deve portare al disastro, ma a un cambiamento eventuale. Non si devono sottovalutare i problemi che ci sono e che, con sacrifici, possono essere risolti una buona volta: l’occidente deve giocare questo ruolo.

 

 

 

Enrico Scoccimarro – Giornalista

Francesco Saverio Nitti: il liberal-riformista che sfidò Mussolini

In un rovente pomeriggio di giugno a palazzo Mattei di Paganica, storica sede dell’Enciclopedia Italiana, lo storico Massimo Crosti ha Read more

Europee, vincitori e vinti

A mente più fredda, è possibile trarre un primo bilancio del voto per le Europee che ha portato alle urne Read more

Democrazie, autocrazie e difesa dell’Ucraina

Alexis de Tocqueville Il processo democratico, cioè il modo in cui le democrazie discutono per deliberare, Read more

L’exploit di Mesagne, tra leadership e rinascimento

Il consenso straordinario tributato dagli elettori di Mesagne, in provincia di Brindisi, al primo cittadino Toni Matarelli va molto al Read more

Articolo successivo
La nascita dell’Enel, l’Ucraina, l’energia e le idee di Enrico Mattei
Articolo precedente
Federico Carli, lavoriamo per una nuova Italia in un mondo nuovo. Il governo? Bene in politica estera, sul resto attendiamo i prossimi mesi

Menu