Grandi Mostre. Achille Perilli a Roma

Il catalogo è edito dalla San Giorgio Arte di Bari e curato da Francesco Gallo Mazzeo

A Roma riapre la grande stagione dell’Arte!

Appuntamenti da non perdere, di questi giorni di fine estate nella cornice autunnale di Roma capitolina. A raccontarli il critico d’arte Francesco Gallo Mazzeo.

Martedì 13 settembre presso la “Casa Argentina”, dell’Ambasciata della Repubblica Argentina, in Via Vittorio Veneto al civico 7, (palazzo Coppedè) alle ore 18,00 gli estimatori e gli appassionati del mondo dell’arte avranno la possibilità di assistere alla inaugurazione della mostra “Lo spazio immaginario”, con l’esposizione delle opere autentiche di uno dei più grandi interpreti dell’arte della modernità, che è stato il maestro Achille Perilli.

Achille Perilli – scrive di lui il grande critico d’arte Francesco Gallo Mazzeo*- è un inventore, un attraversatore, un agile saltatore di intuizioni formali, un geometrista fantastico, che immette il colore in contenitori invisibili, appena segnati, ma sufficienti a dare stabilità alle sue nuvole ingabbiate, in una sintassi, piena di sogni che non temono albe, ma si trasformano in cubi, icosaedri, tetraedri, ottaedri, via via salendo a dodecaedri, morbidi, leggeri, come poetiche architetture, di segni e disegni, entro libero gioco, attraente visione, di specchi su specchi. Forme di libero arbitrio, prove e riprove, che fanno alfabeto, di mille angoliere, di guizzi e saette, di cangianti, di fisiche e forme lontane e vicine; da un Democrito ed un Empedocle, intelligibile e puro“.

L’artista che, attraverso le sue opere, ha inciso in maniera indelebile, nella storia della pittura italiana del secondo ‘900. Perilli fù uno degli animatori del gruppo “Forma 1” insieme a: Pietro Consagra, Piero D’Orazio, Antonio Sanfilippo, Giulio Turcato e Ugo Attardi, un pittore dalla straordinaria capacità espressiva, ma anche di grande intuito; un talento geniale, un artista con la A maiuscola, un uomo capace, che ha tratto spunti e realizzato innovazioni, attraversando contaminazioni e fervidità creative presenti, nel mondo dell’arte del suo tempo. Anni vissuti intensamente, attraverso incontri e scambi continui, anche con frequentazioni singolari, come quella con il padre dello “spazialismo” che fu il maestro argentino Lucio Fontana, per poi approdare a quello che – come sostiene il professor Francesco Gallo Mazzeo – a: “geometrie fantastiche… in quella sua sintassi piena di sogni”.

Dunque, una serata da non perdere, anzi da annotare sul taccuino personale, quello degli eventi unici e imperdibili: martedì 13 settembre alle ore 18,30 presso la prestigiosissima sede della “Casa Argentina” – grazie all’ospitalità e al placet dell’Ambasciatore della Repubblica Argentina a Roma dottor Roberto Carlés e della dottoressa Alba Andra Gonzales.

Lo storico dell’arte Francesco Gallo Mazzeo *, intellettuale e scrittore, introdurrà gli ospiti, raccontando la storia e la pittura del maestro Perilli e delle avanguardie del ‘900. La mostra è proposta dalla San Giorgio Arte (di Bari) ed è organizzata dal suo direttore artistico, dottor Antonio La Gioia.

Per l’allestimento e la scelta dei materiali d’epoca della mostra, sono stati di fondamentale importanza gli “archivi” del maestro Achille Perilli e la collaborazione fattiva e gentile della signora Nadia Perilli. Il progetto grafico è stato curato da Simone Bracci e la stampa da “Pubblicità & Stampa”. La comunicazione e le pubbliche relazioni sono state affidate a Rosario Sprovieri. Il catalogo è edito dalla San Giorgio Arte ed è a cura del Professor Francesco Gallo Mazzeo.

*(Docente Emerito ABA Roma. Docente di Linguistica applicata ai linguaggi creativi dell’Arte del Design dell’Architettura in Pantheon Institute Design & Technology. Roma)

 

Rosario Sprovieri – Dirigente Ministero della Cultura e Organizzatore Mostre d’Arte

Viaggio in Sicilia di un poeta musulmano dell’XI secolo

Come appare la Sicilia agli occhi di un musulmano agli inizi dell’XI secolo quando l’Isola è da un secolo nelle Read more

Il vecchio è meglio del nuovo: un capitolo della storia del museo pubblico raccontato dalla collezione Torlonia, una collezione di collezioni

Giovanna Vignola e Toni Servillo in La grande bellezza. Versione integrale, regia: Paolo Sorrentino. Produzione: Indigo Film, Babe Read more

Parlamento, i nuovi eletti: le blindature di sicurezza

Le analisi sull'esito delle elezioni di domenica 25 settembre sono ancora in corso con profusione di argomenti che affrontano il Read more

Il Canto del Gallo. Archistar. Spreco. Lusso…

I linguaggi inventivi, cioè tutti, quelli ordinari e quelli artistici, vivono nel disordine fecondo di continue manipolazioni, integrazioni, trasformazioni; possiamo Read more

Articolo successivo
Italia e Giappone, ecco la grande sfida culturale del Ministro Tsukasa Hirota
Articolo precedente
Piccole idiosincrasie crescono: cronache nere nella canicola. Frammenti di mondo legati da un filo. O forse no

Menu