Clownterapia negli ospedali pediatrici, una proposta di legge alla Camera

Oggi la terapia del sorriso e del riso, uscita fuori dall’artigianato, richiede salde conoscenze mediche e psicologiche. Il progetto è ambizioso, ogni anno si ammalano solo di tumore o leucemia oltre 1400 bambini e oltre 800 adolescenti, con periodi di ospedalizzazione anche molto lunghi. “I benefìci di carattere psico-fisico derivanti terapia del sorriso sono da tempo comprovati oltre che da diversi studi scientifici anche da una prassi pluridecennale”. Della proposta di legge è primo firmatario l’on. Giovanni Maiorano (FdI)

La medicina non sarà divertente, ma c’è molta medicina nel divertimento, recita un adagio che aspira a tradursi in norma. Patch Adams, il medico che voleva curare la sofferenza con l’allegria e l’amore, potrebbe licenziarsi dal cinema e farsi assumere in ogni ospedale italiano.

Tra le ultime proposte di legge, depositate nei cassetti di Montecitorio, ce n’è una che punta proprio a piazzare camici bianchi con naso rosso e parrucca riccia ovunque ci sia un bimbo malato.

 

 

“L’obiettivo– spiega l’on. Giovanni Maiorano, di FdI, primo firmatario di una proposta di legge ad hoc presentata a Montecitorio – è  garantire la presenza di personale competente in ogni unità organizzativa di pediatria di ogni azienda ospedaliera o struttura sanitaria”. Al ministero della Salute tocca “emanare ogni anno un avviso pubblico per la selezione e il finanziamento di progetti di clownterapia, al quale possono partecipare gli enti del Terzo settore”.

 

 

La filosofia alla base è semplice: lungi dal seppellire qualcuno, una risata può invece guarirlo. Il processo è invece complesso perché ridere – a dispetto dell’etimologia – è l’attività più seria che possa esistere: il cuore accelera il ritmo, la pressione arteriosa diminuisce e i muscoli si rilassano mentre il corpo si arricchisce di preziose endorfine. «La clownterapia – si legge nellla proposta di testo normativo – è una tecnica medica che mira a stimolare uno stato di benessere psicofisico, suscitando allegria nel paziente, attraverso l’utilizzo del “pensiero positivo”».

Arte antica, antichissima: se non Ippocrate, il padre della medicina occidentale, certo il carmelitano Angelo Paoli ne è precursore, allietando con il sorriso i malati dell’Ospizio dei convalescenti. Oggi la terapia del sorriso, uscita fuori dall’artigianato, richiede salde conoscenze mediche e psicologiche. “Il clown di corsia – si legge nel testo – è la figura che, utilizzando specifiche competenze acquisite in varie discipline, analizza i bisogni del paziente per migliorarne le condizioni fisiche e mentali, all’interno delle strutture ospedaliere, delle strutture sanitarie pubbliche e private e delle strutture socioassistenziali, affiancando il percorso terapeutico della medicina tradizionale”.

Non ci può essere spazio per l’improvvisazione.

“La nostra proposta– spiega Maiorano – prevede un percorso di formazione: corsi della durata di 200 ore di studio e 150 di tirocinio. Al termine, solo se si passa l’esame, sarà possibile conseguire un attestato, valido in tutto il territorio nazionale”. Quali saranno le materie dei corsi e come si svolgerà l’esame, ogni singola Regione invece lo disciplinerà come meglio crede. Sarà invece lo Stato a disciplinare i criteri per l’assegnazione dei fondi.

 

 

Il progetto è ambizioso, ogni anno si ammalano solo di tumore o leucemia oltre 1400 bambini e oltre 800 adolescenti, con periodi di ospedalizzazione anche molto lunghi. “I benefìci di carattere psico-fisico derivanti terapia del sorriso sono da tempo comprovati – afferma il deputato – oltre che da diversi studi scientifici anche da una prassi pluridecennale che ha portato a grandi risultati. Risulta necessario, quindi, che il nostro ordinamento riconosca l’enorme valore di questo trattamento, quale strumento di integrazione e supporto delle cure, ne delinei la disciplina e ne promuova la diffusione”.

 

Andrea Persiligiornalista

Veneto/ legge fine vita. Tosi: una forzatura istituzionale e politica, un errore di Zaia. Sono un liberale, e non sono di per sé contrario al suicidio assistito. Ma serve equilibrio

Come giudica l’iniziativa del Consiglio regionale del Veneto sulla legge regionale di iniziativa popolare sul Fine vita? Una forzatura istituzionale Read more

Autonomia differenziata: “per tutti o per nessuno”. Non si possono privilegiare le regioni del nord a danno delle altre

La premier Giorgia Meloni nella conferenza stampa di inizio anno ha detto in modo esplicito che il premierato "si tiene" Read more

Paolo Ascierto, eccellenza mondiale nella lotta al melanoma

"Una persona su due di quelle che fino a 10 anni fa avevano una prospettiva di vita di pochi mesi Read more

Articolo successivo
Meloni bifronte. Una biografia della “donna che si è presa l’Italia”
Articolo precedente
Moro, 45 anni dopo le Idi di Marzo. La verità assente: troppe coincidenze e tanti misteri ancora tutti da spiegare

Menu