Articoli scritti da Floriana Conte

Arte e religione in Fred Holland Day, e un saggio di Adalgisa Lugli

Per capire l’arte ci vuole una sedia

Impronte del corpo e della mente

Arte e religione in Fred Holland Day, e un saggio di Adalgisa Lugli

Cultura
Per capire l’arte ci vuole una sedia
F. Holland Day, The Seven Words, 1898, stampa al platino dalla serie di 7 foto, 4.0 x 11.5 cm, New York, The Metropolitan Museum of Art, inv. 49.55.175.1–.7 (scheda qui) Tra il 1895 e il 1898 l’artista americano Fred Holland Day smette di mangiare, si fa crescere la barba, importa…

Per capire l’arte ci vuole una sedia

Premio G.B. Gifuni, lectio magistralis di Floriana Conte alla Camera. E si parla di beemagazine

Cultura
Per capire l’arte ci vuole una sedia
Ci vogliono radici per costruire biblioteche: dai Gifuni al Premio “Giambattista Gifuni” . Su questo tema Floriana Conte, professoressa di Storia dell’Arte nell’Università di Foggia, alla quale è stato assegnato il Premio di cultura Giambattista Gifuni, ha tenuto una lectio magistralis l’8 marzo durante la cerimonia svoltasi nella Biblioteca della…

Per capire l’arte ci vuole una sedia

L’arte e il gran teatro di Giovanni Testori

Cultura
Per capire l’arte ci vuole una sedia
“Per gli inquieti abbiamo scritto queste righe”. Così si congeda dai lettori uno scrittore d’arte diciottenne esordiente quando pubblica nel gennaio 1941 sulla rivista “Via Consolare” del Gruppo universitario fascista il suo primo articolo, che riguarda uno studio preparatorio di Giovanni Segantini per il quadro Alpe di maggio (1891). Su…

“Togliete quel paravento”.”I paraventi sono una rivolta”

(recensione della mostra "Paraventi: Folding Screens from the 17th to 21st Centuries", a cura di Nicholas Cullinan, in corso alla Fondazione Prada a Milano fino al 22 febbraio)

Cultura
Per capire l’arte ci vuole una sedia
Albert von Keller, Chopin, 1873, olio su legno di quercia, 85 cm x 69 cm, Monaco, Neue Pinakothek, inv. 8366   “Intendete dire che non vi piace il ritratto che ho fatto di voi? Dov’è? Perché gli avete messo davanti un paravento? Fatemelo vedere. È la miglior cosa che abbia…

Per capire l’arte ci vuole una sedia

“Bisogna immaginare Sisifo felice”

Ripetizioni dalla storia dell’arte nella didattica della Performance Art del XXI secolo (recensione di Peak Mytikas [On the top of Mount Olympus] di Troubleyn/Jan Fabre, Milano, Teatro Out Off, 11 dicembre, e di Jan Fabre-Luk Van den Dries, Dall’azione alla recitazione. Linee guida di Jan Fabre per il performer del XXI secolo, presentazione all’edizione italiana di Anna Bandettini, introduzione di Richard Schechner, postfazione di Mikhail Baryshnikov, FrancoAngeli Drama 2023)

Cultura
Per capire l’arte ci vuole una sedia
Cédric Charron in Peak Mytikas (On the top of Mount Olympus). Ph.: ©Hanna Auer     Un Dioniso pansessuale e gender fluid, anarchico e libero pensatore (una grande Annabelle Chambon), Prometeo, la genealogia di Edipo (a partire da com’è narrata da Sofocle ed Eschilo) fino ad Antigone e ai suoi…

Per capire l’arte ci vuole una sedia

“Niente come fare un film costringe a guardare le cose”

(recensione di Con la grazia di un dio. Regia: Alessandro Roia. Produzione: Bartlebyfilm, Rai Cinema, con il contributo del Ministero della Cultura, Italia 2023, al cinema dal 30 novembre)

Cultura
Per capire l’arte ci vuole una sedia
Maya Sansa, Tommaso Ragno, Sergio Romano in Con la grazia di un dio   Due mani maschili incidono con un coltello professionale il ventre di un grande pesce, aprono le interiora che crepitano, le rivelano in primo piano. Il grande pesce finisce di essere eviscerato, la macchina da presa spiega…

Per capire l’arte ci vuole una sedia

Il senso toscano per la porcellana, dal Paese delle api industriose al “ventennale flagello fascista”

(recensione della mostra e del catalogo Oro bianco. Tre secoli di porcellane Ginori, dal 25 ottobre 2023 al 19 febbraio 2024 a Milano, Museo Poldi Pezzoli, a cura di Rita Balleri, Federica Manoli, Oliva Rucellai)

Cultura
Per capire l’arte ci vuole una sedia
  Un particolare della prima sala della mostra. Ph.: Giuseppe Cabras   Nel 1845 a Copenaghen una pastorella e uno spazzacamino che lavorano nella stessa casa si innamorano. Il nonno della pastorella non approva l’unione perché progetta di sposare la nipote a un repellente grande ufficiale e comandante in capo.…
Menu