Putin, la guerra e il poeta

CulturaMondoPolitica

Vladimir Putin, o del “nuovo” ordine geo-politico mondiale, e che, con la guerra scatenata contro l’Ucraina, ha mandato a morire migliaia di suoi giovani connazionali, forse non ha mai letto  il poeta russo Michail Svetlov, né amato la grande poesia del suo Paese.

“O giovane nato a Napoli, che cosa cercavi sui campi della Russia? Perché non sei rimasto là, felice, nel celebre tuo golfo?”.

Il poeta assisté sgomento alla tragedia che si consumava sotto i suoi occhi, visse il dramma del suo Paese aggredito dall’orda nazifascista, con l’armata scomparsa degli alpini dell’Armir, lì inviati a morire come mosche, assiderati dal gelo artico.

E nella lirica “L’Italiano”, tra fierezza e invettiva, trova il posto per la compassione, per quel giovane napoletano mandato al macello, per la crudeltà di una guerra che aveva procurato lutti e dolore; “Tu non sei stato né vissuto qui! Ma si è disteso nei campi innevati il cielo azzurro della tua Italia, ora vitreo nei tuoi occhi sbarrati”.

Forse Svetlov era stato in viaggio in Italia, anche a Napoli , o ne aveva soltanto letto e sentito parlare. Oggi, a parti invertite, impegnate in un  conflitto crudele che tarda a cessare, un’altra lirica può far aprire la mente e il cuore.

Un altro poeta, un poeta ucraino (ma anche russo, non importa). E Napoli, stavolta, sarebbe sostituita con Mosca e San Pietroburgo (ma anche tanti umili villaggi), belle città russe e luoghi remoti da cui provenivano i tanti soldati russi caduti sul terreno invaso.

Al giovane soldato russo, richiamandosi a Svetlov, il poeta ucraino potrebbe chiedere il conto: “cosa cercavi sui campi dell’Ucraina…”, campi  intrisi del sangue di soldati e civili. Citati nella “nuova” lirica, per rinnovare un dolore universale.

 

Luigi Nanni – Pubblicista

Giustizia, intervista ad Antonio Sensale

Lei è andato in pensione da poco tempo, da Sostituto procuratore generale presso la Corte d’Appello di Roma. Vogliamo ricordare Read more

Centri storici, il parere del filosofo

Sui numerosi problemi che oggi affliggono i centri storici, oggetto di un convegno a Spoleto in corso da ieri, pubblichiamo Read more

Molestie sul lavoro, affinare il sistema di monitoraggio

Il tema delle molestie nel lavoro è centrale per ciò che rivela del rapporto tra le donne  e il potere. Read more

A proposito di smanie imperialistiche. Kublai Kan, imperatore malinconico. Sulla scia di un libro pensato tutto al femminile, Le città invisibili

Come altri grandi autori, Italo Calvino nelle sue opere rappresenta problematiche e aspetti dell’età in cui vive e scrive, ma Read more

Articolo successivo
Angelo Rojch, c’è chi rimpiange la Dc. Con De Mita segretario, al posto di Martinazzoli il partito si sarebbe salvato
Articolo precedente
Invito al viaggio. Ma prima alla voluttà della lettura: quando il catalogo di una mostra è un libro vero (testo integrale)

Autore

Menu