La ristorazione aziendale è un capitolo essenziale dei piani di welfare Da sempre. Oggi sempre più importante per la ricerca del benessere delle persone

Il welfare è servito! La ristorazione aziendale tra nutrizione, sostenibilità e innovazione firmato da Marco Barbieri e Lucia Medri, edito da Edizioni dEste, è il secondo e-book della collana Newelfare Aziendale che nasce dal presidio informativo acceso sul settore del welfare integrativo da oltre due anni, dalla testata online wewelfare.it, fondata e diretta da Marco Barbieri. Dopo il primo titolo dedicato a Il benessere psicologico arriva il nuovo ebook, disponibile sulle principali piattaforme (da Amazon a Ibs) con download promozionale gratuito.

 

 

 

 

OLTRE LA MENSA.

Il nuovo prodotto editoriale fotografa un mercato fatto di tradizione e di innovazione, di mense e di ristorazione, di chef che diventano manager e di pausa pranzo che cambia dopo il Covid (e lo smart working). Con tutta l’attenzione italiana al cibo, anche se consumato in azienda, il racconto dell’e-book consente di fare un approfondimento legato alle nuove abitudini alimentari, alle esigenze di personalizzazione, alle nuove modalità di conservazione, confezionamento e di distribuzione dei piatti.

UNA CRISI TRA COVID E SMART WORKING 

Dopo il Covid (e lo smart working) il comparto della ristorazione collettiva ha avuto un crollo del fatturato. Una crisi che ricade su un mondo la cui dimensione riguarda – secondo i dati Oricon 2022 – 1.500 aziende, che eroga circa 760 milioni di pasti annui, con circa 92.000 occupati, la maggior parte donne con un’età media superiore ai 50 anni e con un contratto a tempo indeterminato. Fragilità fiaccata da ulteriori impatti negativi derivanti dal caro energia: la spesa per l’energia elettrica delle aziende del settore è passata da 25,442 milioni di euro nel 2020 a 245,525 milioni nel 2022, con un aumento di 220 milioni di euro. Per il gas, invece, la forbice si allarga ulteriormente: da 9,360 milioni di euro nel 2020 a 134,975 milioni nel 2022, circa 126 milioni in più.

L’ATMOSFERA PROTETTA

Il comparto della ristorazione aziendale ha registrato tuttavia una scossa di novità che cambierà le abitudini produttive di tutti i player. Dalla mensa ai piatti confezionati in ATP, atmosfera protetta, assicurando personalizzazione e rispetto delle intolleranze alimentari. L’approccio di Elior – società leader del settore – sceglie dunque tecnologia, varietà dei menù quindi personalizzazione, e ancora: igiene assoluta e sostenibilità perché l’allungamento della vita del prodotto consente di organizzare una distribuzione meno frequente e quindi meno trasporto, meno CO2. Ma la parola sostenibilità riguarda anche la riduzione degli scarti, perché Atp consente di ottimizzare i processi produttivi e contenere i costi.

Il benessere richiede da sempre un’attenzione all’alimentazione. Lo si vede nello sviluppo della distribuzione dei pasti addirittura a casa, per inseguire diete e per liberare tempo dai fornelli, senza rinunciare alla qualità del cibo. Chi lavora ha l’esigenza di nutrirsi con equilibrio e le aziende hanno bisogno di preservare il benessere dei propri collaboratori.

IL PRANZO E I PIANI DI WELFARE

Questo instant book digitale vuole dunque tracciare un percorso per raccontare tutte le novità di questo settore in piena trasformazione: tra sapori e valori, tra management e ricette, tra logistica e sostenibilità. Nove capitoli di approfondimento che si aprono con un Antipasto, una prefazione che focalizza l’importanza insostituibile della ristorazione come servizio in un piano di welfare aziendale: l’offerta della ristorazione in azienda è un valore, persegue l’obiettivo di far stare meglio chi lavora, attraverso la qualità di un pasto la cui offerta cambia in un mondo che cambia. Quindi cambia la mensa, il suo prodotto, la sua distribuzione, cambia la pausa pranzo, ma il servizio di ristorazione sarà insostituibile, dichiarano in Elior.

 

Simone MassaccesiRedattore 

info@wewelfare.it

Veneto/ legge fine vita. Tosi: una forzatura istituzionale e politica, un errore di Zaia. Sono un liberale, e non sono di per sé contrario al suicidio assistito. Ma serve equilibrio

Come giudica l’iniziativa del Consiglio regionale del Veneto sulla legge regionale di iniziativa popolare sul Fine vita? Una forzatura istituzionale Read more

Autonomia differenziata: “per tutti o per nessuno”. Non si possono privilegiare le regioni del nord a danno delle altre

La premier Giorgia Meloni nella conferenza stampa di inizio anno ha detto in modo esplicito che il premierato "si tiene" Read more

Paolo Ascierto, eccellenza mondiale nella lotta al melanoma

"Una persona su due di quelle che fino a 10 anni fa avevano una prospettiva di vita di pochi mesi Read more

Ddl Concorrenza, presidente ARIS: “Così proprio non va”

Il Ddl Concorrenza fa acqua da tutte le parti. Noi dell’ARIS lo ripetiamo da quando abbiamo potuto prendere visione della Read more

Tags: , , ,
Articolo successivo
Paolo Ascierto, eccellenza mondiale nella lotta al melanoma
Articolo precedente
Ddl Concorrenza, presidente ARIS: “Così proprio non va”

Menu