“Esercitare sinceramente la mutua comprensione”. Una prospettiva nuova: Jihad e fraternità umana

Pubblichiamo un estratto della conferenza sul dialogo tra Islam e Cristianesimo che il cardinale Fernando Filoni, Gran Maestro dell’Ordine del Santo Sepolcro, ha tenuto a Parigi, al Convegno organizzato dall’Osservatorio internazionale del fatto religioso, presso l’Ecole Militaire.

MondoPoliticaSocietà

Ai nostri giorni un’originale via di approccio nuovo tra mondo islamico e mondo cattolico è stato avviato da Papa Francesco e dal sunnita Grande Imam di Al-Azhar, Ahmed al-Tayyeb, con la firma del Documento sulla Fratellanza Umana – Per la Pace Mondiale e la Convivenza Comune, avvenuta ad Abu Dhabi il 4 febbraio 2019. Un anno fa il Papa incontrando poi a Najaf (Iraq) il Grande Ayatollah Al Sistani, ha aperto un altissimo contatto tra cattolici e mondo sciita; un contatto che potrebbe portare a importanti accosti anche tra Sunniti e Sciiti e ad un’auspicabile revisione dei loro storici contrasti.

È interessante notare che, sia il Papa, sia il Grande Imam facciano esordire il Documento, non toccando argomenti religiosi controversi (che generebbero nuove difficoltà), ma da quanto accomuna: la fede in un Dio clemente e misericordioso, creatore di tutti gli esseri umani uguali nei diritti, nei doveri e nella dignità, che genera la fratellanza e l’amicizia e produce i valori di bene, di carità e di pace.

Si tratta di espressioni di altissimo valore teologico e antropologico che portano, a mio parere, allo svuotamento di quella carica jihadista più aggressiva e intollerante. Chi è il “non-credente” se il principio di appello è quel Dio “clemente e misericordioso” condiviso da ebrei, cristiani e musulmani, creatore di tutti gli esseri umani uguali nei diritti e nella dignità?

Abbandonando il terreno dello scontro e delle controversie religiose (ognuno terrà per sé quei principi dottrinali che formano il nucleo e le diversità intrinseche alla propria fede), si apre una finestra che porta una ventata di aria fresca; questa comune visione, di fatto indebolisce la carica di intolleranza; ma bisognerà anche dire che devono cessare le provocazioni inter-religiose e extra-religiose, che tendono a scatenare aggressività e offendono l’altra parte.

Specialmente nel mondo a maggioranza islamica, ma anche a minoranza, oggi, ogni forma di Jihad si nutre di vere o presunte ingiustizie, di offese al credo e ai valori islamici.

Se da una parte è lecito tenere sempre vivo il senso del rispetto, dall’altra non si trova giustificazione alcuna al terrorismo o all’uccisione delle persone: qui vale riprendere il grido di Papa Francesco e del Grande Imam al-Tayyeb: Chiunque uccide una persona è come se avesse ucciso tutta l’umanità; condanniamo tutte le pratiche che minacciano la vita come i genocidi, gli atti terroristici e le politiche che sostengono i numerosi crimini; dichiariamo fermamente che le religioni mai devono incitare alla guerra, né sollecitare sentimenti di odio, volontà di estremismo, oppure invitare alla violenza o allo spargimento di sangue; tutto questo porta a deviazioni dagli insegnamenti religiosi, all’uso politico delle religioni o anche ad interpretazioni di gruppi di uomini di religione che hanno abusato, in alcune fasi della storia, dei sentimenti religiosi. Sono parole chiare e precise.

Per inciso, mi piace pensare che questa visione abbia fomentato idealmente il cosiddetto “Patto di Abramo” tra Israele, Bahrein e Emirati Arabi e aperto processi con altri paesi a guida islamica.

Per la Chiesa cattolica la revisione delle relazioni inter-religiose era formalmente già cominciata con la Dichiarazione Nostra Aetate (NA) del Concilio Vaticano II, allorché i Padri conciliari sentirono il dovere di esecrare tutte le persecuzioni e le manifestazioni di intolleranza del passato ed avevano auspicato il superamento di quei “dissensi e inimicizie (che erano) sorte tra cristiani e musulmani“, invitando “a dimenticare il passato e ad esercitare sinceramente la mutua comprensione, (…) difendere e promuovere insieme (…) tutti gli uomini, la giustizia sociale, i valori morali, la pace e la libertà” (NA 3-5).

Se la storia non è maestra, gli errori si ripeteranno; la storia umana non è costruita da puri determinismi, ma è un intreccio di libertà che vanno riconosciute e reciprocamente rispettate.

Questo aspetto della missione dell’Ordine è trattato nel mio libro E tutta la casa si riempì del profumo dell’unguento (LEV), nel capitolo dedicato alla dimensione ecclesiologica della spiritualità dell’Ordine.

 

Fernando Filoni – cardinale, Gran Maestro dell’Ordine del Santo Sepolcro

Le due culture. Gli studi umanistici: una risorsa per il convivere civile

Negli ultimi anni, almeno a partire dal saggio di Martha Nussbaum (Non per profitto. Perché le democrazie hanno bisogno della Read more

Sulla scia di Spinoza e Bacone. “Io sto con la natura”

"Deus sive natura", Dio o natura. La sostanza unica, infinita ed eterna, che è Dio, coincide, per Spinoza, con la Read more

Adelaide Ristori, un’attrice e una donna libera in anticipo di un secolo. Genova le dedica alcune celebrazioni nel secondo centenario della nascita

Adelaide Ristori nell’Ottocento ha vissuto come oggi può fare solo una rockstar. Solo che la sua arte era il teatro Read more

L’uomo che sussurra ai cavalli. Non è un film ma un personaggio vero Franz Chiaravalloti, il principe dei carabinieri a cavallo

Comando Generale dell’Arma dei carabinieri. A Roma,nella grande caserma Salvo D’Acquisto di Tor di Quinto incontriamo Franz Chiaravalloti. Qui tutto Read more

Articolo successivo
Parità in nomine pubbliche, dare ad Anac compiti di vigilanza
Articolo precedente
Le stanche liturgie del “bicameralismo perfetto”

Autore

Menu