Articoli scritti da Pino Pisicchio

Elezioni, la variante Ferragnez. Se la coppia scende in campo…

Politica
È chiaro che, secondo l’intento di chi ha creato lo sconquasso, un voto sul ciglio dell’estate o giù di lì, è faccenda che può riguardare solo le forze politiche che già ci sono, troncando in radice ogni velleità dei nuovi partiti, dei pezzetti che si vorrebbero mettere insieme ma ancora…

Folies d’été, il voto dietro l’angolo e la sindrome di Weimar

L'urgenza di una nuova legge elettorale si è fatta ancora più forte. Non si può andare al voto per eleggere un parlamento mutilato del 40% senza aver tolto di mezzo quell'obbrobrio delle liste bloccate e immaginato un congegno a garanzia di rappresentanza e governabilità.

Politica
Tana libera tutti: non solo per lo scomposto e incosciente dileggio delle istituzioni inflitto dalla farsa del voto/non voto, resto al governo/ non resto, non voto/ma mi pento, di quell’armata Brancaleone che si accalca dietro gli omeri incerti del capo dei Cinque Stelle e la sprezzatura falso-indignata di Travaglio.  Ma…

I partiti? Partiti per sempre?

Nessuna delle caratteristiche fondanti della forma-partito è visibile. Nel catalogo delle urgenze per rimettere in funzione il polmone democratico della forma-partito, forse al primo posto andrebbe messa la scelta dal basso della rappresentanza. Oggi rubata dai compilatori delle liste.

Politica
Fa impressione constatare come, nel dibattito italiano rivolto alle istituzioni, si incontrino da decenni gli stessi temi. Ovviamente irrisolti.  La riforma dei partiti, per esempio. Una manciata di giorni fa tornava sulla questione Sabino Cassese con un editoriale (sul grande giornale italiano) che argomentava sulla debolezza della forma-partito. Argomento che…

Legislature orfanelle

Che cosa ci aspetta negli ultimi mesi di questo Parlamento? "Uno stillicidio di guerriglie e trincee". Nel nuovo Parlamento "amputato" il turnover sarà micidiale, e quasi totale, che salverà però i "compilatori delle liste bloccate e i loro cari", se rimarrà in piedi questa legge elettorale.

Politica
La XVIII legislatura, in via di spegnimento, venne al mondo il 4 marzo del 2018 senza uno straccio di famiglia alle spalle, come quei bambini abbandonati, trovatelli miracolosamente sopravvissuti alla notte, al freddo, alla fame nella ruota della fortuna delle monache. Poi, come accade nei feuileton che si rispettano, scampata…

Pisicchio: un’assemblea costituente per riorganizzare lo Stato

Politica, Società
Da eleggere nel 2023 insieme con il nuovo Parlamento. Durata di un anno, un anno e mezzo, eletta con il proporzionale. Chi ne fa parte non deve avere altri mandati elettivi. Basta  dunque con le riforme a “spizzichi e molliche”. “Necessario avviare un importante percorso di riforma costituzionale e una riflessione…

Chi parla di più l’italiano nel mondo? Il Papa

Una "modesta proposta" a Draghi: un premio per chi diffonde la lingua di Dante a livello internazionale. E per primo lo si dia a papa Francesco

Cultura, Mondo
Si chiude l’anno delle celebrazioni dedicate a Dante con un bilancio che pende dalla parte del “dovere della memoria” piuttosto che dell’occasione afferrata.  Una dose omeopatica di liturgie, il solito attor-comico declamatore, l’adempimento della presenza televisiva nelle reti pubbliche e para pubbliche come dovere contrattuale e in più qualche fortunata…

A scuola con il Presidente
Quella sottile domanda di una studentessa di liceo…

Alcuni imprevedibili scenari

Cultura, Politica
C’è poco da fare: se vuoi imparare qualcosa devi andare a scuola. Anche se l’oggetto della tua acculturazione riguarda non materie curricolari ma, in questo caso, le curiosità dei nuovi cittadini italiani e, dunque, la possibilità di scommettere sulle nuove generazioni. Ieri, dunque, un incontro ravvicinato (e “greenpassizzato”, chissà che…
Menu