Pnrr, Svimez: a rischio realizzazione investimenti Comuni nel Sud. Gap con Nord già dalle fasi di affidamento dei lavori

Nel Mezzogiorno alta partecipazione enti locali ai bandi, ma il 62% li giudica complessi. Fondamentale rafforzare organi in fase di attuazione Lo studio completo nell’ultimo numero di Informazioni SVIMEZ

Economia

Il 62% dei Comuni del Sud ha giudicato complessa la partecipazione ai bandi del PNRR contro il 57% dei Comuni del Centro-Nord. La realizzazione di un’infrastruttura sociale al Sud richiede nove mesi in più rispetto alla media dei Comuni italiani. Per scongiurare il rischio di non realizzare gli investimenti del PNRR nei tempi previsti è necessario dare continuità alle azioni di rafforzamento e supporto delle amministrazioni comunali. Questo si evince dallo studio SVIMEZ “I Comuni alla prova del PNRR” curato da Serenella Caravella, Carmelo Petraglia e Gaetano Vecchione pubblicato sull’ultimo numero di Informazioni SVIMEZ. Lo studio contiene i principali risultati di una survey SVIMEZ-Datamining condotta su un campione di Comuni responsabili dell’attuazione del PNRR e le nuove stime SVIMEZ sui tempi di realizzazione delle infrastrutture sociali a titolarità delle amministrazioni comunali.

Grande impegno da parte dei Comuni, in particolare del Sud: tra i Comuni con meno di 30.000 abitanti, risulta una partecipazione ai bandi PNRR mediamente più alta nel Mezzogiorno, ma un tasso di aggiudicazione più contenuto: tra i fattori che hanno generato criticità i Comuni del Sud indicano soprattutto l’eccessiva complessità delle procedure. Oltre il 40% dei Comuni ha avuto necessità di ricorrere a consulenze esterne per la partecipazione ai bandi. Dalla survey risulta anche una buona propensione dei Comuni meridionali a stringere partnership allo scopo di aderire ai bandi: il 43% dichiara di aver stretto collaborazioni con altri Comuni limitrofi.

Le elevate aspettative nel PNRR sono rivelate soprattutto da un dato: in quasi otto casi su dieci i Comuni considerano il PNRR un’occasione decisiva per ridurre i divari territoriali. Le nuove stime SVIMEZ sui tempi di realizzazione delle infrastrutture sociali confermano il gap di capacità realizzativa delle amministrazioni comunali del Mezzogiorno: i Comuni del Mezzogiorno impiegano quasi tre anni per completare un’infrastruttura sociale, nove mesi in più della media italiana, un anno e mezzo in più dei Comuni del Nord-Ovest.

Le opere che procedono più a rilento al Sud sono quelle con investimenti fino a un milione di euro. I ritardi si accumulano soprattutto nelle fasi iniziali di affidamento dei lavori, rallentate dalle carenze di personale tecnico specializzato in particolar modo nei piccoli Comuni. La percentuale di personale under 40 dei Comuni è solo del 4,8% nel Mezzogiorno (10,2% nel Centro-Nord); solo il 21,2% dei dipendenti comunali del Mezzogiorno è laureato (28,9% del Centro-Nord).

La SVIMEZ sottolinea positivamente il fatto che “il Decreto PNRR del febbraio 2023 abbia dato priorità alle azioni di semplificazione delle procedure per accelerare le tempistiche delle fasi di esecuzione e conclusione degli interventi”. Resta invece, secondo l’Associazione, solo parzialmente sciolto il nodo dell’espletamento delle fasi iniziali di affidamento, sulle quali pesano maggiormente le carenze di organico degli enti locali.

In materia di risorse umane, il Governo è intervenuto opportunamente per favorire la stabilizzazione dei tecnici assunti a tempo determinato nelle amministrazioni centrali e locali. Uno dei fronti su cui invece occorre intervenire è quello del rafforzamento degli organici, soprattutto per gli enti territoriali, per i quali le misure si sono limitate, per ora, a consentire nuovi inserimenti di dirigenti.

Riforma fiscale, avv. Giuliani: ecco le varie criticità

È in corso un profondo ripensamento del sistema tributario italiano. Vi sono delle norme tese a migliorare i rapporti fra Read more

Crescita economica, protezione dell’ambiente e marittimità

Capiamo ogni giorno di più l’importanza geo-strategica del Mediterraneo nel difficile contesto delle relazioni internazionali di questi ultimi anni. Ce Read more

40 anni governo Craxi, i retroscena di Giorgio Benvenuto

Pubblichiamo la seconda parte dell’intervista all’ex segretario della Uil Giorgio Benvenuto (la prima parte è uscita venerdì 8 marzo). "L’accordo Read more

40 anni governo Craxi, i retroscena di Giorgio Benvenuto

Prima parte dell’intervista, la diciassettesima della serie, in cui l’ex segretario della Uil racconta, tra l’altro, episodi e aneddoti legati Read more

Tags: ,
Articolo successivo
Il guru che ha fallito. Carlo De Benedetti dichiara il fallimento del suo Pd
Articolo precedente
Allarme Ue su vino, carne sintetica e peste suina africana, intervista a Caterina Avanza

Menu