Omaggio a Navalny con i versi di Pasternak

CulturaMondo

L’oppositore politico russo Alexei Navalny, imprigionato in un luogo remoto del circolo polare artico e lasciato lentamente morire, di sicuro amava la poesia del suo grande Paese. Grande la poesia russa stessa, e forse, possiamo congetturare, la recitava tra sé e sé nelle interminabili giornate da recluso, guardando dall’unica finestra verso spazi smisurati, aggrappandosi a piccoli segnali che lo avrebbero aiutato semplicemente a vivere.

Lo scorrere del tempo, il fluire delle emozioni, il gelo e la neve, il ghiaccio nero, il terribile vento siberiano, ma anche i primi germogli sotto la neve, la fioritura dei campi e la bella stagione, elementi naturali sempre presenti nei versi russi. Navalny è morto in questi giorni di febbraio. “Ancora qualche settimana, Alexei, con la primavera il tempo si metterà al bello”, avrà forse sperato.

Il grande poeta e scrittore russo Boris Pasternak proprio in una sua poesia dal titolo “Febbraio”, di oltre un secolo fa , sembra racchiudere la sostanza poetica di quel  paesaggio,   e non sembri inappropriata l’idea di farne un sublime omaggio al combattente Navalny ( a sua moglie Yulia, alla mamma Lyudmila Navalnaya,  questa “madre Coraggio” sempre in giro per la Russia pur di incontrare il figlio Alexei  in carcere, mentre  oggi vaga per recuperare il suo corpo).   Nel riproporla, questa poesia dell’autore del dottor Zivago può essere un epitaffio sulla ingiusta fine dell’oppositore politico, ma anche inno alla libertà, a cui ha sacrificato la sua stessa vita.

 

Boris Pasternak

 

 

 *****

Febbraio 

Prender l’inchiostro e piangere!

Scrivere di febbraio a singhiozzi

Finché  il tempo piovoso scrosciante

brucia come una fosca primavera.

 

Prendere una carrozza. Per sei soldi,

tra scampanìo e stridere di ruote

recarsi là dove la pioggia torrenziale

strepita più che lacrime ed inchiostro.

 

Dove, come pere incenerite,

dagli alberi mille cornacchie 

cadranno nelle pozze  rovesciando

una secca mestizia sul fondo degli occhi..

 

Nereggiano di sotto gli spazi disgelati,

e il vento è solcato dai gridi.

E quanto più a caso, tanto più esattamente

si compongono i versi a singhiozzi.

 

Boris Pasternak  – 1912 ( traduzione di Angelo Maria Ripellino)

 

Luigi NanniGiornalista

 

 

 

Giordania, un viaggio nell’attivismo per la parità di genere

Amman è una città bella, ma i suoi colori a volte possono essere incredibilmente neutrali, oscillando tra il giallo paglierino Read more

Giordania, l’attivismo per la parità di genere

Questa storia comincia con una passeggiata nei vicoli di Wast al-Balad, centro storico di Amman – capitale del regno Hashemita Read more

Diritto dell’Unione, Barbieri: quanto l’UE è presente nella nostra vita quotidiana

Il diritto dell’Ue può sembrare qualcosa di molto lontano dalle nostre vite ma in realtà le condiziona più di quanto Read more

Il canone ucraino

Sono disgustato dall’ipocrisia degli equidistanti. Gridano "pace, pace" sui confini violati dagli aggressori per ottenere con coltelli più ragione che Read more

Tags: , ,
Articolo successivo
Gli ascolti record di Rai Tgr, Alessandro Casarin e Carlo De Blasio
Articolo precedente
Ucraina, due anni di guerra. Prof. Basciani : Occidente un po’ stanco. Ma la pace e la democrazia sono valori da difendere

Menu