Ucraina. 29 giugno 2022, non un giorno qualsiasi!

Il recente vertice NATO sembra virare decisamente sulla guerra aperta alla Russia. Abbandono dei negoziati e la pace diventa una chimera. E il 29 giugno 2022 potrebbe essere ricordata come la data più infausta del conflitto.

MondoPolitica

Segnatevi a futura memoria la data del 29 giugno 2022, giornata nella quale nel vertice tenutosi a Madrid la NATO ha accettato le candidature di Svezia e Finlandia. Il tutto rapportato alla guerra ucraina che si protrae da oltre quattro mesi con migliaia di morti e feriti, distruzione di intere città. Eppoi, non scordarsi un nome: Stoltenberg, segretario generale della NATO. E poi un altro: Kuleba: ministro ucraino. Un altro ancora: Von der Leyen, presidente della Commissione europea. Aggiungiamone un quarto: Biden, presidente USA e certo un quinto: Zelensky, presidente ucraino; un sesto: Erdogan, satrapo turco, mediatore a giorni alterni.

Un settimo: liberi voi di inserirlo. Come anche un ottavo. Ad libitum. Insomma, non mancherebbero altri nomi. Infine, un’organizzazione politico-militare: la NATO con tutti i suoi aderenti. E siamo arrivati al greve quiz dell’estate: cosa hanno in comune queste entità apparentemente eterogenee? Che non a chiacchiere e nemmeno a parole, ma con i fatti, chi più e chi meno, (e salvo clamorose retromarce), tutti hanno dichiarato guerra alla Russia di Putin. La guerra del contraccambio. Vale a dire che da poche ore si è entrati in una fase nuova del conflitto, dove l’opzione militare è la “prima scelta” e la ricerca della pace solo una congetturale lasciata in bocca al Papa e a qualche irriducibile pacifista.

Si dirà, non è questa una novità! Non è così, dal momento che la parola “negoziato” non compare più in nessun resoconto stenografico e la parola “pace”, semplicemente ignorata.

Un’altra precisazione, non certo piccola: sulla questione, ucraina, la NATO “cita” la Cina, speriamo non a sproposito.

E, dunque? La guerra viene ormai dichiarata su larga scala, tra la sottovalutazione generale di una possibile escalation. Con nuovi contingenti e nuove truppe (al momento in 300mila), piazzate sul quadrante europeo a “sorvegliare” i confini in funzione anti-russa.

Ne consegue che il nascondimento italiano, tra reticenze e improprietà lessicali sull’invio di armi all’Ucraina, è destinato a evaporare ed essere spazzato via di fronte alle parole di Stoltenberg e Biden, che mettono già in conto che la guerra possa durare un anno e anche più. Tronfi, poi, dell’apprezzamento che quasi tutti i membri NATO abbiano raggiunto e anche superato il 2% del Pil in armamenti. Ma uno dei tanti sondaggi ci dice anche che noi italiani alla guerra pensiamo sempre meno, angustiati i come siamo da problemi quotidiani, di risorse che vengono a mancare, prezzi alle stelle, non soltanto quelli dell’energia, e inflazione mai vista prima d’ora. Un pericolo (grave) in più: quello di essere in balìa degli eventi e sopraffatti. Quando, poi, sarebbe troppo tardi per rimediare.

 

Luigi Nanni – Analista politico

Direttiva Ue sulla casa, Enzo Pelle (Filca-Cisl): urgono interventi strutturali e straordinari

“L’applicazione della Direttiva Ue sulle performance energetiche delle case oggi in Italia appare per molti versi impraticabile, la tempistica e Read more

Bufera Juventus, torna al centro la questione: quali valori nel calcio?

I 15 punti di penalizzazione inflitti alla Juventus, arrivati come un fulmine a ciel sereno, hanno aperto una nuova, ma Read more

Per non dimenticare. Per agire

Il 27 gennaio del 1945 le truppe dell’Armata Rossa arrivarono ad Auschwitz, in polacco Oswiecim, e scoprirono quello che è Read more

Allarme Ue sul vino. Centinaio: non si penalizza solo l’Italia. Il governo porta avanti la battaglia. Occorre fare rete tra i produttori

Gian Marco Centinaio, attuale vicepresidente del Senato in quota Lega, è stato ministro delle Politiche Agricole nel primo governo Conte Read more

Articolo successivo
La comunità energetica rinnovabile ci libererà dal gas russo?
Articolo precedente
Personaggi Dc, la Galleria di Eufemi. Pietro Rende, protagonista del meridionalismo

Menu