Dipendenza emotiva, quando hai bisogno dell’approvazione degli altri

Lo zelo eccessivo nel ricevere la costante approvazione degli altri distorce la realtà e crea idee sbagliate su come dovrebbero essere le interazioni sociali. "L’inferno sono gli altri", ha scritto Sartre.

Sentirsi approvati e accettati dagli altri è un bisogno umano del tutto naturale e, ancor di più, necessario per la sopravvivenza. Soprattutto in età molto precoce, durante l’infanzia e poi nell’adolescenza, è essenziale per lo sviluppo della personalità e per costruire il nostro modo di interagire socialmente.

Durante l’infanzia, infatti, è uno strumento molto utile per sapere come comportarsi, l’approvazione dei nostri genitori stabilisce lo standard per ciò che è giusto e ciò che è sbagliato. E durante l’adolescenza il riconoscimento tra pari agisce in modo molto positivo e diventa un importante elemento per plasmare l’identità. Quando raggiungiamo l’età adulta, questo bisogno di approvazione ci aiuta ad adattarci meglio alle situazioni sociali e ci rende anche più empatici.

Ma comincia a diventare un problema e a danneggiarci gravemente, quando la tendenza all’accettazione altrui diventa, come regola generale, qualcosa di necessario e anche essenziale e questo ci porta a comportarci fino al punto di non essere noi stessi,  per paura di essere rifiutati dagli altri.

Se ci lasciamo ossessionare dal cercare di compiacere  a tutti i costi gli altri, sacrificando il nostro modo di essere, allora dobbiamo metterci in allarme. Questa dicotomia tra ciò che si vuole essere e come ci si mostra realmente produce in chi la vive sensazioni di disagio, rabbia e frustrazione per non essere in grado di mostrarsi come uno si sente realmente.

In “A porte chiuse” il filosofo francese Jean – Paul Sartre fa pronunciare la frase più famosa del dramma: “L’inferno sono gli altri”, che vuol dire, portando il concetto all’estremo, che noi dipendiamo dal giudizio degli altri, e quindi  noi viviamo nel giudizio altrui, e agli altri è in qualche modo legata la nostra esistenza, perché è la percezione di come ci vedono che ci definisce.

Il problema principale del “dipendente emotivo” è la mancanza di fiducia in se stessi: pensano erroneamente che nessuno li ami per quello che sono e che debbano vivere attraverso l’altro.

La dipendenza emotiva colpisce principalmente le persone vulnerabili e ipersensibili. Dipendere dalle altre persone spesso dà loro la sensazione di essere  in una bolla che crea sicurezza. Ma quello che hanno davvero creato è una specie di prigione in cui rimangono rinchiusi.

La dipendenza affettiva designa un fenomeno di incapacità psicologica di vivere di per sé e per sé. È associato, soprattutto, a una bassa autostima e può coprire le carenze affettive dell’infanzia. In questo tipo di relazione prevale il sentimento di attaccamento e subordinazione, con conseguenze emotive negative.

Le relazioni personali sono necessarie e forniscono grandi vantaggi. È normale cercare supporto emotivo e aiuto dai nostri cari in determinati momenti. La dipendenza emotiva, tuttavia, va oltre questo punto d’appoggio. Quando la fonte dell’autostima e del benessere si trova all’esterno allora c’è un problema.

In generale, di solito non è dovuto a un singolo fattore, ma piuttosto si manifesta  per diverse cause. In molti casi non è nemmeno una realtà cosciente. Anzi. La persona emotivamente dipendente pensa che i problemi abbiano un’origine diversa e spesso esterna.

I risultati di uno studio fatto in Spagna mostrano che la dipendenza emotiva è  correlata negativamente all’autostima e positivamente alla sintomatologia ansioso-depressiva.

In questo tipo di relazione la dipendenza psicologica è “normale”, c’è un’asimmetria dei ruoli e si sviluppano comportamenti sproporzionati e inadeguati per soddisfare il bisogno di affetto.

In Spagna, il 49,3% delle persone intervistate si è dichiarato emotivamente dipendente e nella sua versione più grave l’8,6%, essendo più frequente nelle donne . La tabella presenta un’incidenza nei giovani tra i 16 ei 31 anni di età del 24,6%, dove il 74,8% sono donne e il 25,2% uomini . Con queste cifre, si potrebbe ben pensare che costituisca quasi un’epidemia.

Come qualsiasi altro disturbo di salute mentale, la dipendenza emotiva è invisibile agli occhi e difficile da rilevare perché non ci sono sintomi fisici evidenti. Spesso possiamo confondere i nostri sentimenti di dipendenza con sentimenti di amore o attrazione.

Ma la dipendenza emotiva non è qualcosa di irreversibile, può essere curata. Ma per superarla è necessario riconoscerla e accettarla.  Occorre un lavoro di sviluppo personale con supporto terapeutico, che può essere utile per guidare la persona in questo percorso.

L’obiettivo della terapia è generalmente focalizzato sull’aiutare la persona a riconoscere il problema, abbandonare qualsiasi relazione tossica che ha, trovare le cause e trattarle in modo che lo stesso schema non si ripeta nelle nuove relazioni che si creano.

Gli psicologi offrono diverse linee guida per gestire questa “esigenza di consenso e assenso”.

Amare te stesso per avere successo con altri tipi di relazioni (famiglia, amicizia, partner, ecc.). Identificare i tuoi bisogni insoddisfatti, specialmente quelli che cerchi di coltivare attraverso l’amore degli altri, e identificare da dove provengono quei bisogni. È importante prestare attenzione a come ci si sente, un lavoro di introspezione e scoperta di se stessi.

Nella maggior parte dei casi, i bisogni sono di essere amati, riconosciuti e riconosciuti nella vita personale e professionale. E per superare questo, la chiave è porre dei limiti, che ti costringono a conoscerti meglio. Più conosciamo noi stessi, più possiamo identificare i nostri bisogni.

 

Clara Ballari – Giornalista

Cambiamenti climatici, fiction ormai di moda ma danno l’idea dei pericoli

Da tempo c’è una invasione delle fiction, sia in tv sia al cinema. Gli argomenti variano: dal sentimentale al poliziesco, Read more

Giocattoli, ricerche per renderli più inclusivi e liberi da stereotipi diseducativi

Negli ultimi anni è aumentata la consapevolezza dei ruoli di genere veicolati per mezzo dei giocattoli. C'è una nuova sensibilità Read more

Connessi alle cose, disconnessi dalle persone. | Il covid ha acuito tendenze già esistenti in una società “contactless”

La pandemia e le conseguenti restrizioni hanno rivoluzionato il nostro modo di vivere e di relazionarsi. Il fenomeno è stato Read more

IA, Bonanni: niente allarmismi, occorre però puntare sulla formazione

L'appassionante interesse sulla Intelligenza artificiale continua a provocare confronti senza fine, tipici di argomenti che annunciano grandi cambiamenti nelle nostre Read more

Articolo successivo
Antonio Martino, nel trigesimo un “personale ricordo politico”
Articolo precedente
“Concuranza”, l’intelligenza Connettiva e Collettiva Cooperante cara a Papa Francesco

Menu