Convegno su Federico II a Palazzo Giustiniani

Con due accademici, della Crusca e dei Lincei, e un cardinale

MondoPolitica

Federico II Puer Apuliae e Stupor Mundi: è il titolo e il tema di un convegno che si svolgerà lunedì 30 maggio nella prestigiosa Sala Zuccari a Palazzo Giustiniani, sede dei senatori a vita e dove il 27 Dicembre del 1947 fu firmata la Costituzione da Enrico De Nicola, Alcide De Gasperi, Umberto Terracini e  Giuseppe Grassi.

L’evento, che ha avuto il patrocinio del Senato della Repubblica, servirà a lumeggiare la figura di un gigante della storia medievale, con tratti di sorprendente modernità: Federico uomo di Stato, protettore delle arti e della poesia ( la famosa Scuola dei poeti siciliani), fautore del dialogo tra le culture e soprattutto con la cultura ebraica e il mondo arabo, e protagonista di un tormentato rapporto con il Papato.

Dopo i saluti del presidente della Commissione Cultura del Senato Riccardo Nencini e del presidente del Centro Studi Federico II di Palermo Giuseppe Di Franco, si darà il via alle relazioni.

Si tratta di relatori d’eccezione:

Rosario Coluccia, professore emerito dell’Accademia della Crusca, parlerà su Federico II e i poeti della Scuola siciliana;

il cardinale Fernando Filoni, Gran Maestro dell’Ordine equestre del Santo Sepolcro, tratterà il tema: Papato e Impero: visioni tra fede e politica;

il Professor Hubert Houben, Ordinario di Storia Medievale dell’Università del Salento e Accademico dei Lincei, eminente studioso e biografo dell’imperatore svevo, esaminerà i rapporti con l’ebraismo e il mondo musulmano.

Moderatore sarà Mario Nanni, giornalista parlamentare e scrittore.

Nell’intervallo tra una relazione e l’altra la signora Egle Pasquali, con esperienze di doppiatrice cinematografica, leggerà alcune poesie di Federico II.

Saranno letti messaggi di saluto del ministro dei beni Culturali Dario Franceschini,  videomessaggi provenienti dai presidenti delle quattro regioni particolarmente legate a Federico:  le Marche che gli diedero i natali (nacque a Jesi), la Puglia, da cui prese l’appellativo di Puer Apuliae; la Basilicata, con le sue leggi (Constitutiones Federiciane), i suoi castelli e l’arte della caccia col falcone; e la Sicilia, dove sono custodite le spoglie, nella Cattedrale di Palermo e dove Federico II visse e governò.

Dopo interventi del pubblico in sala e i saluti finali del prof. Pietro Luigi Matta, del Comitato scientifico  del Centro studi promotore del convegno, ci sarà l’assegnazione del Premio Federico II ai relatori e al prof Lucci, e saranno consegnate targhe ai senatori Maurizio Gasparri, Riccardo Nencini e al professor Pino Pisicchio, già parlamentare di lungo corso.

Al convegno, i cui lavori saranno seguiti da Radio Radicale, si accede per invito, rispettando le norme anti Covid ( uso mascherina FFP2) e attenendosi al dress code del Senato: per gli uomini giacca e cravatta)…

 

Redazione di BeeMagazine

(per info sull’evento: Mario Nanni 335 7724697)

Direttiva Ue sulla casa, Enzo Pelle (Filca-Cisl): urgono interventi strutturali e straordinari

“L’applicazione della Direttiva Ue sulle performance energetiche delle case oggi in Italia appare per molti versi impraticabile, la tempistica e Read more

Bufera Juventus, torna al centro la questione: quali valori nel calcio?

I 15 punti di penalizzazione inflitti alla Juventus, arrivati come un fulmine a ciel sereno, hanno aperto una nuova, ma Read more

Per non dimenticare. Per agire

Il 27 gennaio del 1945 le truppe dell’Armata Rossa arrivarono ad Auschwitz, in polacco Oswiecim, e scoprirono quello che è Read more

Allarme Ue sul vino. Centinaio: non si penalizza solo l’Italia. Il governo porta avanti la battaglia. Occorre fare rete tra i produttori

Gian Marco Centinaio, attuale vicepresidente del Senato in quota Lega, è stato ministro delle Politiche Agricole nel primo governo Conte Read more

Articolo successivo
Lettere Americane 5a: il Grande Unificatore, “Grazie Vlad la NATO è più forte grazie a te!”
Articolo precedente
“Un popolo di poeti, santi, navigatori”… Una formula bisognosa di un “restauro pesante”

Menu