Centri storici, è qui che si gioca il futuro delle città e dell’Italia. Un importante convegno, a Spoleto, il 2-3 luglio, nell’ambito del Festival dei Due Mondi

CulturaSocietà

Il 2 e 3 luglio presso il Complesso Monumentale di San Nicolò a Spoleto si terrà, nell’ambito del Festival dei Due Mondi, il convegno organizzato dall’Associazione Comitato Spoleto Centro Storico e dall’Associazione Piazza Duomo, dal titolo “Il Futuro è in Centro: il valore sociale, economico e culturale dei centri storici”.

L’evento è stato organizzato grazie alla collaborazione del Comune di Spoleto e il supporto del comitato italiano di ICOMOS (International Council of Monuments and Sites), l’Associazione Italia Nostra di Spoleto, Assorestauro, lo studio Fantozzi&Associati e il Gruppo di Comunicazione legale – strategica The Skill.

Ripensare una vivibilità urbana nelle città storiche, rendendole maggiormente inclusive e adatte ad accogliere una rigenerazione civica e un ripopolamento sostenibile e coerente alle nuove esigenze lavorative, economiche e sociali dei cittadini è il tema di fondo, che verrà sviluppato da esperti di primissimo piano secondo prospettive urbanistiche, economico fiscali, culturali, ambientali ed energetiche.

L’incontro è importante perché propone una inversione di tendenza nello sviluppo dell’Italia, che passa attraverso una nuova valorizzazione dei centri storici, dopo la felice stagione del decennio 1995 – 2005, che vide il pieno recupero di interi quartieri dal nord al sud.

Si confronteranno, alternandosi con degli interventi specifici sui temi, l’ing. Alessandro Bozzetti (presidente di Assorestauro), il prof. Cesare Crova (membro della Giunta Nazionale di Italia Nostra), il prof.Maurizio Di Stefano (presidente di ICOMOS), il prof. Maurizio Ferraris (docente presso il dipartimento di Filosofia e Scienze della Formazione dell’Università di Torino), l’avv. Francesco  Giuliani (partner dello studio tributario Fantozzi & Associati),Francesco Morace (fondatore del  Future Concept Lab), la prof.ssa Claudia Mattogno (docente di Urbanistica presso l’Università La Sapienza) , P il prof. Giuseppe Roma (presidente del think tank RUR – Urban Research Institute), il prof. Francesco Scoppola (docente presso Istituto Nazionale di Archeologia e di Storia dell’Arte), il prof. Bruno Toscano (professore emerito dell’Università di Roma Tre – Torvergata), il prof. Michele Trimarchi (docente di Economia della Cultura – IUAV Venezia).

A moderare i lavori sarà Rita Correnti, Presidente associazione residenti “Comitato Spoleto centro Storico”.

Il convegno sarà introdotto dai saluti istituzionali del Commissario straordinario alla ricostruzione, Giovanni Legnini, mentre chiuderà il dibattito il sindaco di Spoleto Andrea Sisti

 

Redazione

Bufera Juventus, torna al centro la questione: quali valori nel calcio?

I 15 punti di penalizzazione inflitti alla Juventus, arrivati come un fulmine a ciel sereno, hanno aperto una nuova, ma Read more

Per non dimenticare. Per agire

Il 27 gennaio del 1945 le truppe dell’Armata Rossa arrivarono ad Auschwitz, in polacco Oswiecim, e scoprirono quello che è Read more

Allarme Ue sul vino. Centinaio: non si penalizza solo l’Italia. Il governo porta avanti la battaglia. Occorre fare rete tra i produttori

Gian Marco Centinaio, attuale vicepresidente del Senato in quota Lega, è stato ministro delle Politiche Agricole nel primo governo Conte Read more

La mafia? È il vero cancro della società civile. Parla il Gran Maestro del Grande Oriente

Garbo, cortesia, sobrietà e rigore assoluto nelle risposte che ci dà. Questo è stato con noi ieri Stefano Bisi, Gran Read more

Articolo successivo
Centri storici, verso il convegno di Spoleto: intervista a Claudia Mattogno
Articolo precedente
Centri storici, in vista convegno di Spoleto: intervista al prof. Roma

Menu