I corsivi di Pangloss. Perché ha perso il Pd? Basta sentire Serracchiani e Boccia e uno capisce tutto

Politica

Sulla sconfitta del Pd si stanno scrivendo e si scriveranno articoli, analisi, ipotesi. E noi stessi daremo il nostro modesto contributo.

Sulle dimensioni numeriche della sconfitta già si stanno pateticamente arrampicando le prefiche dell’autoconsolazione, ma in realtà è difficile negare le proporzioni e il significato di una disfatta storica.

Ma a un ipotetico straniero che volesse capire, con un esempio – del tipo ex ungue leonem –  le cause della sconfitta del partito di Letta, basterebbe offrire loro due esempi, due sequenze televisive.

Hanno per protagonisti: Francesco Boccia, ministro uscente delle Regioni, barese, che Emiliano ha imposto in una posizione di sicurezza nella lista elettorale.

Questa la prima scena: Nel salotto televisivo di Porta a Porta, il sondaggista Antonio Noto riferisce domenica sera dopo la chiusura delle urne i dati dei primi exit poll.  Mentre gli altri presenti – giornalisti di vario orientamento e qualche parlamentare – abbozzavano un commento di merito, Boccia no. Boccia, per far onore al suo nome, semplicemente bocciava. Ma chi? Noto naturalmente.

Con sorrisini variegati di amarezza e delusione malcelate. Boccia metteva in dubbio Noto, e la cosa in fondo poteva essere nel suo diritto, anche se è strano che un malato – specie grave come nel caso del Pd – si metta a bocciare il medico che gli sta diagnosticando forse una polmonite mentre lui sostiene che solo di raffreddore si tratta.

Ma la scena si è ripetuta altre volte, al punto che uno dei presenti sarcasticamente ha commentato: si è capito, stasera il duello non è tra le coalizioni ma tra Noto e Boccia. Tutto questo avveniva sotto lo sguardo sornione del padrone di casa, Vespa.

Ma la cosa più stupefacente è che a un certo punto Boccia nel contestare, la parola non è proprio esatta ma il senso è questo, le previsioni di Noto, ha annunciato con un’aria da misteriosa sibilla barese: ci saranno sorprese.

Si è poi passati dagli exit poll alle proiezioni, sempre accolti da un Boccia frastornato ma non rassegnato, mentre l’uomo politico barese veniva impietosamente bersagliato sui social con la domanda: e la sorpresa? Dov’è la sorpresa? E altre espressioni colorite, che non riporto.

___________

Seconda scena, stavolta non nel salotto ma in collegamento con Vespa, dalla sede del Pd appare Debora Serracchiani, che grazie a un discorso generazionale della serie “fuori tutti”, largo ai giovani, stupì un’assemblea del Pd e si è  poi fatta strada e carriera.

Forse perché ha la lingua sciolta ( ma vedremo subito che non basta), è stata mandata a commentare a caldo risultati disastrosi del suo partito. Poverina, un compito improbo e c’è da capirla. Ma fino a un certo punto, perché c’è sempre un limite alla improntitudine e ala mistificazione politica.

Ma che ha detto di così strano la Serracchiani? Bastano queste due frasi: oggi il Paese è triste (il Paese o il Pd? Ndr). Lei insomma con il 19 e rotti per cento parlava a nome dell’intero Paese, di un’Italia che solo in un caso su 5 , a essere pignoli un po’ meno, ha votato Pd.

E poi: la maggioranza parlamentare che ha vinto  non corrisponde alla maggioranza nel Paese.

Ci sarà pure qualche filo di verità, ma questa frase è stata sempre il comodo rifugio dei perdenti.

Autocritica? Neanche l’ombra. Un retrogusto di supponenza, alterigia morale, scarso senso della realtà.

In Boccia e Serracchiani lo stesso atteggiamento: un mal riposto senso di superiorità, una degnazione verso chi li ha battuti, nessuna autocritica, nessuna intenzione di ritirarsi e forse di dedicarsi a lavori più socialmente utili.

Con questi atteggiamenti, la sinistra – direbbe Nanni Moretti – non vincerà mai.

 

Pangloss

Spicchi di città: quel che resta della Sinistra

A Roma, sulla doppia scalinata del Nuovo Mercato Trionfale appaiono, dal 2016, i colori impressi da David (in arte Daviù) Read more

Cattaneo: Forza Italia è la cerniera del centrodestra e non è un partito diviso. Rappresenta l’anima moderata, liberale e garantista. Senza, il governo non esisterebbe

Presidente Cattaneo, il governo si è avviato da qualche settimana, tra speranze e scetticismo. Ci dice una sua prima impressione Read more

Anelli: “Chiediamo al Governo un’attenzione straordinaria verso i medici”

Presidente Anelli, prima di parlare di questioni più generali che riguardano la salute degli italiani e il fondamentale ruolo dei Read more

Brunelli: mai come ora l’eredità politica di Angela Merkel è a rischio. Ex Cancelliera sotto tiro per la mancata abiura di Putin e per i suoi silenzi

“La guerra in Ucraina ha cambiato tutto in Germania, compresa l’eredità di Angela Merkel. Decenni di politica estera sono stati Read more

Articolo successivo
Considerazioni inattuali ma non troppo. Il “rosatellum” potrebbe finire alla Corte costituzionale
Articolo precedente
Milano, occupato il Liceo Manzoni dopo le elezioni. “Questa democrazia chi rappresenta veramente?”

Menu