“Forte fortissimo anzi…pianissimo”. Gli “alti lai” di Conte

MondoPolitica

Scarse dosi di prudenza e modestia nella politica italiana.

Ma forse anche di realismo politico e di immaginazione.

Lo si vede nella battaglia ingaggiata dal capo M5S Giuseppe Conte, ancora minaccioso oltre ogni limite  (in realtà tutto uno sparare a salve), sulla “militarizzazione” dell’Italia e sull’invio di armi all’Ucraina. Che, a quest’ultima, dice di non negare, anche se si è messo in testa di voler verificare il lungo elenco, leggere la scheda tecnica  e semmai  farsi spiegare come le stesse armi funzionino.

Lui preferisce quelle “difensive”.

Ma a questa richiesta Draghi tira dritto, come anche  il più risoluto in materia, il Pd Enrico Letta con il quale – in queste ore Conte si è affrettato a dire – il rapporto è “ottimo”. C’è da giurare che Conte non desisterà e proseguirà con questa azione di disturbo verso il governo di cui fa parte, senza mai voler arrivare alle “estreme conseguenze”.

È una strategia palesemente scoperta, che si è resa necessaria per il mancato consolidamento della sua leadership. Dalla quale si discosta nettamente il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, che sembra di altro partito e che da taluni osservatori è accusato di essere già schierato sul “fronte” ucraino.

Cosa che, però,  non preoccupa né dispiace a Giuseppe Conte  che, invece, “resta” in Italia e, pensando di risollevare le sorti, sue e del M5S,  giorno e notte sogna un altro colpaccio come quello  fatto nel 2019 col “reddito di cittadinanza”.  Stavolta giocando e speculando sulle paure degli Italiani per la guerra e i sacrifici che essi cominciano a sentire.

Allora si era al tempo del suo primo governo.

Si trattò di una misura, non tanto contrastata nella sostanza (e subentrata al misconosciuto “reddito d’inclusione”, REI), quanto confusa e  mal realizzata, infarcita di errori,  mancati adempimenti e completamente scollegata dal mondo del lavoro.

Ma, a quel tempo i governativi M5S “avevano fretta”, tutte le osservazioni vennero ignorate, l’alleato- Lega chiuse un occhio, l’opposizione tutti e due  e alla fine gli fu consentito di intestarsi la misura della loro sopravvivenza politica.

Conte ha in mente tutta questa epopea.

E mentre con le maniche di camicia rivoltate lancia allarmi e ultimatum,  pensa che tentar (una seconda volta) non nuoce.

Solo che, pare che i tempi siano cambiati, e che i suoi “alti lai” non si odano a un metro di distanza.

 

Luigi Nanni – Pubblicista, analista politico

Roma che diventa Regione, anche Cassese boccia il Ddl

Non per patriottismo di testata, ma per informare i lettori e documentarli, facciamo questa premessa. Il 3 maggio su queste Read more

Legislature orfanelle

La XVIII legislatura, in via di spegnimento, venne al mondo il 4 marzo del 2018 senza uno straccio di famiglia Read more

Una riforma costituzionale in articulo mortis (della legislatura)

Diciamolo subito, a scanso di equivoci: in pochi mesi – tanti ne restano dell’attuale legislatura prima che nuove elezioni facciano Read more

Ucraina, aspettando Draghi dall’America

Una decisione sulla data delle comunicazioni di Draghi sarà presa molto probabilmente questa settimana dalla conferenza dei capigruppo della Camera. Read more

Articolo successivo
Gli “utili idioti” sono ritornati?
Articolo precedente
“Ancora Via Fani? Basta! È storia passata”, parola di assassino

Autore

Menu