Centri storici, il parere del filosofo

Maurizio Ferraris: il rischio è che i centri storici si trasformino in vetrine costose e spopolate. La Ztl è diventata l’identificativo del voto delle élite.

PoliticaSocietà

Sui numerosi problemi che oggi affliggono i centri storici, oggetto di un convegno a Spoleto in corso da ieri, pubblichiamo una breve riflessione del Prof. Maurizio Ferraris, Ordinario di Filosofia teoretica nell’Università di Torino, inviata a BeeMagazine (questa testata si era già occupata alcune settimane fa  dei centri storici puntando il faro su Lecce).

La riflessione del professor Ferraris:

Il problema dei centri storici dimostra con chiarezza quanto poco sia vero che il web ci avrebbe portati tutti su una nuvola rendendo irrilevante dove vivere.

Oggi, chiunque, potendo, vivrebbe nel centro storico. Questo appare ovvio ma non lo è. Negli anni sessanta del secolo scorso abbiamo assistito allo spopolamento e al degrado dei centri storici a vantaggio di zone residenziali decentrate.

Insomma, mezzo secolo fa in centro vivevano i poveri, in periferia i ricchi, ora non più, e anzi la ZTL è diventata l’identificativo del voto delle élite.

Il rischio non è la svalutazione dei centri storici, come un tempo; semmai, il rischio è che si trasformino in vetrine costose e spopolate.

La cultura (dalla mostra al festival, dal palio alla sagra), come sempre, è la via per far rivivere il centro in una maniera meno rarefatta di quanto non avvenga con la gentrification dei centri storici o meno massificata di quanto non avvenga con la trasformazione dei centri in disneyland turistiche.

 

Redazione

Le due culture. Gli studi umanistici: una risorsa per il convivere civile

Negli ultimi anni, almeno a partire dal saggio di Martha Nussbaum (Non per profitto. Perché le democrazie hanno bisogno della Read more

Sulla scia di Spinoza e Bacone. “Io sto con la natura”

"Deus sive natura", Dio o natura. La sostanza unica, infinita ed eterna, che è Dio, coincide, per Spinoza, con la Read more

Adelaide Ristori, un’attrice e una donna libera in anticipo di un secolo. Genova le dedica alcune celebrazioni nel secondo centenario della nascita

Adelaide Ristori nell’Ottocento ha vissuto come oggi può fare solo una rockstar. Solo che la sua arte era il teatro Read more

L’uomo che sussurra ai cavalli. Non è un film ma un personaggio vero Franz Chiaravalloti, il principe dei carabinieri a cavallo

Comando Generale dell’Arma dei carabinieri. A Roma,nella grande caserma Salvo D’Acquisto di Tor di Quinto incontriamo Franz Chiaravalloti. Qui tutto Read more

Articolo successivo
Se il “Bel Paese” non canta più
Articolo precedente
Molestie sul lavoro, affinare il sistema di monitoraggio

Autore

Menu